Centosette candeline per “Clementa” Piccinini contadina e mamma

Ha festeggiato domenica scorsa insieme alle tre figlie, i generi e i nipoti, al Casone di Bebbio

CARPINETI. Tanti auguri alla “Clementa”. Domenica scorsa, al Casone di Bebbio, Clementina Piccinini, per tutti “la Clementa”, ha festeggiato 107 anni assieme alle tre figlie, ai generi e ai nipoti. In questi mesi di collegamenti ancora non facilissimi, non tutta la famiglia ha potuto ritrovarsi per un pranzo collettivo, ma il giorno delle candeline e della torta è stato rispettato, in omaggio a una donna ancora in discrete condizioni, sino a pochi anni fa ancora indipendente nella sua casa di Corciolano, una borgata nella zona di Levizzano di Baiso. Da qualche tempo vive a Bebbio di Carpineti, dalla figlia Luisa, e lì si è svolta la festicciola con le figlie Giuseppina, Maria e Luisa Palladini, i generi e i nipoti. Immancabile, una bella torta con tante decorazioni colorate, il numero degli anni raggiunti e la scritta “Auguri nonna”. A quota 107 la Clementa è arrivata dopo un cammino non facile.

Nata nel maggio 1914, prima dell’inizio della guerra mondiale e oltre un anno prima dell’ingresso italiano nel conflitto, Clementa ha trascorso il suo secolo abbondante sempre legata alla sua terra e alla sua famiglia, originaria del Muraglione di Baiso. Dopo il matrimonio si è trasferita a Corciolano, sulla vetta della vallata che da Levizzano discende verso il Secchia, occupandosi dei parenti e aiutando il marito nella gestione delle attività agricole. E passando attraverso i tanti turbolenti momenti che hanno segnato il Novecento emiliano. —


Adr. Ar.

© RIPRODUZIONE RISERVATA