Estensione a 35 giorni della seconda dose di vaccino Pfizer e Moderna

Si tratta del preparato a base di Rna messaggero. L'Ausl annuncia che dal 10 maggio le seconde chiamate arriveranno a 5 settimane dalla prima

REGGIO EMILIA. C’è un’ulteriore novità in partenza da lunedì 10 maggio per quanto riguarda la campagna vaccinale contro il Covid 19, oltre all’apertura delle prenotazioni per la fascia di età 55-59 anni, e riguarda l’estensione a 5 settimane degli appuntamenti per seconde dosi di vaccini a Rna Messaggero (Pfizer e Moderna) per tutti coloro che non hanno ancora effettuato la prima dose.
 
«Una scelta necessaria nell’ambito di una strategia di sanità pubblica, auspicata dallo stesso livello centrale, che mira a dare protezione al maggior numero di persone possibili in modo tempestivo, stante l’attuale disponibilità di dosi vaccinali e la loro consegna periodica nel tempo», si legge in una nota diffusa dall’Ausl di Reggio.
 
Come espresso dal Comitato tecnico scientifico nazionale nella circolare ministeriale 5 maggio 2021, la somministrazione della seconda dose - entro i 42 giorni dalla prima - non inficia l’efficacia della risposta immunitaria e garantisce l’opportunità di copertura vaccinale di un maggior numero di cittadini, che già con la prima somministrazione ricevono una protezione dallo sviluppo di forme severe di malattia da Covid 19.
 
Ai cittadini prenotati che da lunedì 10 maggio si recheranno ai centri vaccinali con un appuntamento per la prima dose con vaccino Pfizer o Moderna, sarà quindi comunicato che la seconda dose sarà somministrata dopo 35 giorni dal primo appuntamento, quindi a 5 settimane dalla prima dose, anziché a 3 per Pfizer e a 4 per Moderna, come avvenuto fino ad ora. 
 
Restano invariati gli appuntamenti per seconda dose di tutti coloro che hanno effettuato la prima dose entro il 9 maggio.