Due cammini storici ed enogastronomici per riscoprire bellezze e storia

La bellissima villa Spalletti al centro di uno dei due tour sarà sede anche di degustazioni

Casalgrande, un progetto di Comune, Pro Loco, guide e produttori locali. I tour partono il 15 maggio, ieri mattin la presentazione

CASALGRANDE. Due cammini per riscoprire la storia plurisecolare di Casalgrande. Frutto del lavoro condiviso della Pro Loco, del Comune, di guide turistiche esperte, di produttori e proprietari di luoghi molto noti, come la bellissima villa Spalletti di San Donnino di Liguria, saranno fruibili nei prossimi giorni con l’obiettivo di raccontare un territorio, quello casalgrandese, cresciuto enormemente nell’ultimo mezzo secolo e ormai inciso nell’immaginario come luogo di lavoro e produttività. Invece, la vasta area che dal confine con Scandiano porta al Secchia è punteggiata da tanti sprazzi suggestivi dal punto di vista ambientale, oltre che ricchi di storia. Ora essi diventeranno conoscibili anche a tanti residenti che magari ignorano le bellezze dietro l’angolo di casa.

La presentazione avvenuta sabato 8 maggio al teatro De André


Il pacchetto “Scopri il bello di Casalgrande” parte dal 1400, dal periodo in cui Casalgrande diventa parte della contea dei Boiardo, sotto l’egida degli Este, ed è stato curato dal punto di vista storico-culturale da uno dei principali esperti locali, Gianluca Ferrari. Ne4lla mattina di sabato 8 maggio al teatro De André è stata presentata l’iniziativa con al centro i due itinerari che saranno fruibili nel fine settimana sino alla fine di novembre, con trasporti, degustazioni di prodotti locali e approfondimenti curati dai volontari della Pro Loco e da guide abilitate. Il primo percorso è il “Tour del Castello”, che porta al caseificio della Molinazza, alla storica villa Costi, al castello di Dinazzano e poi al luogo principale, il castello di Casalgrande Alto con l’oratorio di San Sebastiano, raggiungibili seguendo il millenario tracciato di via Statutaria. Nel mezzo, soste in pullman alle artistiche rotonde lungo la Pedemontana, volute dalla ceramica Casalgrande Padana e realizzate da due stelle dell’architettura mondiale, Kengo Kuma e Daniel Libeskind.

La seconda proposta è il “Tour della Corte”, pensato per far riscoprire l’area Nord del territorio che porta verso la via Emilia. Il cuore è rappresentato dalla corte di Villa Spalletti con il suo vastissimo giardino. La partenza è nel capoluogo, da lì si tocca l’esterno di Villa Segre, fuori dal centro, prima di raggiungere il castello di Salvaterra e il vivaio Maioli, con la sua raccolta di piante antiche. Si passa alla chiesa di Salvaterra, con i suoi dipinti e i Paliotti, prima di concludere a Villa Spalletti, con degustazioni in spazi coperti dell’enorme complesso del XVII secolo. I pacchetti, ideati per mesi in cui ancora i viaggi saranno limitati e in cui la riscoperta dei luoghi italiani sarà incentivata, è stata illustrata dal presidente della Pro Loco Massimo Villano assieme a Ferrari, al sindaco di Casalgrande Giuseppe Daviddi, all’assessore regionale all’Agricoltura Alessio Mammi, dal parroco casalgrandese e dal rappresentante regionale delle Unpli.