Contenuto riservato agli abbonati

Lo Sport Village cerca un nuovo gestore: «C’è da fare in fretta»

Lo Sport Village di Casina

Casina, il complesso sportivo riaffidato al Comune dopo il fallimento. Il sindaco Costi: «Il nostro obiettivo e riaprirlo per la stagione estiva»

CASINA. Lo Sport Village di Casina, il grande complesso per l’attività fisica e il divertimento di via Simonini, è in cerca di nuovo gestore. Il più in fretta possibile. Gli impianti sportivi e le strutture – due piscine (una delle quali per bambini), un campo da calcetto, uno da basket, due campi da tennis, spogliatoi, il bar, il ristorante e un grande parco – ieri sono state ufficialmente riaffidate al Comune, che ne è proprietario, dalla curatela al termine dell’iter del fallimento. Una storia complessa, quella dello Sport Village, chiuso dalla fine della stagione estiva 2020, che ha dato buoni risultati, gestito dalla società omonima composta al 95% da Tecton, messa in liquidazione a fine 2019, e al 5% da un’altra società che faceva capo all’imprenditore casinese Ercole Spaggiari, che si occupava del settore ristorazione. I problemi nella gestione sono iniziati proprio quando Tecton è andata in crisi.

«Questa mattina – spiegava ieri il sindaco Stefano Costi – abbiamo effettuato il primo sopralluogo per verificare lo stato delle strutture e degli impianti. Fortunatamente pompe , filtri e gli altri impianti funzionano alla perfezione. Le strutture risentono, invece, dell’usura del tempo, ma sono in buone condizioni». L’obiettivo del Comune, a questo punto, è riuscire a trovare un nuovo gestore prima possibile, in modo che, fatto un restyling veloce, riparta in fretta, visto che la data del 15 maggio, giorno di riapertura delle piscina dopo lo stop imposto dall’emergenza sanitaria, si avvicina.


«Abbiamo due strade possibili – spiega Costi –. Pubblicare un bando per la gestione, ovviamente senza alcun onore a carico di chi manifesterà interesse, bando che gli uffici tecnici hanno già iniziato a preparare ma che con l’obbligo di rispettare i tempi burocratici rischia di arrivare in porto a stagione estiva già iniziata; oppure tentare la strada, anche questa consentita, dell’affidamento diretto, certamente la più snella». Sia come sia, l’intenzione del Comune è di riuscire a riaprire nei mesi caldi lo Sport Village, per tanti anni punto di riferimento degli appassionati delle estati in montagna, garantendo il massimo supporto a nuovi gestori «perché per noi – conclude il sindaco Costi – si tratta di una struttura molto importante, con una forte valenza turistica e di promozione del territorio». Qualcuno interessato pare si sia già fatto avanti, si vedrà presto che futuro avrà lo Sport Village.