Sui gazebo scatta la “deregulation” per dare una mano a bar e ristoranti

Scandiano, la decisione del Comune dopo una riunione con la categoria Caffettani: «Allestimenti senza vincoli per aiutare la ripresa» 

SCANDIANO. Una deroga per i gazebo coperti dei ristoranti scandianesi. La applicherà per tutto il 2021 il Comune di Scandiano, nel tentativo di supportare i tanti locali delterritorio, alle prese con una faticosissima ripartenza ancora piena di incognite. Una delle poche certezze, a oggi, è che almeno per un mese i ristoranti e i bar potranno lavorare con i clienti solo all’aperto, a pranzo come a cena. Le distese esterne diventano quindi fondamentali e così la possibilità di coprirle almeno per proteggere dalla pioggia, annunciata come presenza costante nei giorni a venire, oltre che dal vento. Da qui la decisione del Comune di concedere una deroga sugli obblighi necessari per installare i gazebo, normalmente regolamentati da indicazioni molto rigide anche dal punto di vista architettonico.

L'assessore Matteo Caffettani


«Come previsto dal Decreto riaperture, per consentire ai ristoratori di poter esercitare la loro attività con consumo al tavolo esclusivamente all’aperto, anche a cena, ai soli fini di assicurare il rispetto delle misure connesse all’emergenza Covid, le richieste di montare gazebo vengono concesse per tutto il 2021 in deroga ai vincoli e condizioni a cui solitamente sono assoggettate», precisa l’assessore Matteo Caffettani. È un modo «quindi per venire incontro ad una legittima richiesta dei ristoratori e per consentire ai loro clienti di poter consumare tranquillamente all’aperto il pasto sotto un riparo o copertura».

Lo spunto è arrivato da un incontro fra l’amministrazione e i gestori dei locali affacciati su piazza Boiardo, nel cuore storico della cittadina, proprio di fronte alla Rocca e alla “chiesa grande”. I ristoranti e i bar di quell’area di pregio devono rispettare vincoli architettonici legati alle sovrintendenze, con restrizioni più severe rispetto ad altre zone con meno secoli di storia alle spalle. Da lì è nata l’idea della deroga, ovviamente valida per tutte le strutture del perimetro comunale scandianese.

Il permesso riguarda i gazebo con cui coprire le distese precedentemente autorizzate, non un ampliamento degli spazi delle distese. L’obiettivo è offrire maggiori possibilità di lavoro ai locali, anche in giornate in cui possano esservi minime precipitazioni o un calo delle temperature. Gli impianti dovranno sempre essere aperti ai lati, e dovranno essere assicurati a terra in maniera solida, così da evitare rischi di “voli” improvvisi. Saranno i tecnici del Comune a valutare tutti questi dettagli per concedere poi il via libera al montaggio dei gazebo, per rendere maggiormente fruibili gli spazi esterni. L’invito ai gestori è quello di mandare il prima possibile le richieste per avviare le pratiche, così da velocizzare i tempi per le autorizzazioni.