Contenuto riservato agli abbonati

Il cinema è chiuso per colpa della pandemia e Cocconi scrive un libro

Il cinema Belvedere di Castellarano

Castellarano, lo storico gestore della sala fondata nel lontano 1953  ha approfittato dello stop per realizzare la pubblicazione fotografica a essa dedicata

CASTELLARANO. Il lungo periodo di chiusura imposto della pandemia ha spinto Giuseppe Cocconi a realizzare un libro dedicato al cinema Belvedere di Castellarano. Si tratta di un racconto dove le immagini la fanno da padrona e che riassume una vita dedicata allo spettacolo perché la famiglia Cocconi gestisce dal 1953 questo storico cinema, che per i castellaranesi e i tanti cittadini della valle del Secchia rappresenta una vera e propria istituzione culturale.

Giuseppe Cocconi, gestore della sala, con il libro in mano


Cocconi, come è nata l’idea di realizzare il libro sulla storia del Belvedere?
«La pandemia ci ha costretto alla chiusura e ho pensato di impegnare tutto il tempo libero che avevo per scrivere un libro sulla storia del cinema che è nato nel 1953 e fu un evento eccezionale per Castellarano che era un paese ad economia esclusivamente agricola e che contava solo 6.000 abitanti».

Cosa racconta in questa sua pubblicazione?
«È un racconto documentato attraverso le varie fasi che hanno caratterizzato l’evoluzione della sala dal 1953 al 2021. Ho scritto e documentato con foto anche d’epoca gli episodi più importanti avvenuti in tutti questi anni, perché se avessi dovuto raccontare anche le piccole cose successe in 68 anni sarebbe stato noioso e più lungo di “Via col Vento”...».

Ci sveli una particolarità di questo racconto fotografico?
«Ho fatto delle ricerche di fatti accaduti negli anni 50-60, e ho chiesto ai figli le foto dei genitori che in quegli anni avevano partecipato come protagonisti a manifestazioni che si erano svolte al Belvedere, come ad esempio commedie teatrali. Il risultato è stato eccezionale perché in tanti hanno risposto positivamente e c’è stata una donna che quando mi ha consegnato le foto del padre si è persino messa a piangere per la commozione di sapere che dopo tanti anni suo padre sarebbe stato nuovamente ricordato».

Il libro di Cocconi, per ora, si trova in vendita in due edicole di Castellarano: l’edicola di Emilio Rubbiani e della Casa del Giocattolo di Raffaello e Fabiola. Il costo è di 13 euro e parte dei ricavati delle vendite verranno donati ai servizi sociali del Comune di Castellarano.