Avvocati al voto Le due liste in lizza guidate da Cosci e Della Capanna

Il civilista scelto alla testa del raggruppamento “Uni-Re”  “Avvocati liberi e protagonisti” è il fronte del penalista

reggio emilia. Due liste di avvocati molto ben ponderate nei rispettivi raggruppamenti, il previsto utilizzo dei social per propagandare nomi e programmi, la definitiva scelta di chi guiderà i due fronti contrapposti.

Un fermento prevedibile per l’elezione del nuovo consiglio dell’Ordine degli avvocati (15 membri) visto che il voto arriva sulla scia delle forti polemiche coincise con le dimissioni-shock sotto Natale di otto consiglieri che hanno portato in poco tempo alla decadenza della presidente Celestina Tinelli insieme ai sei consiglieri che erano rimasti in sella.


Una lista ha già scelto di uscire allo scoperto: il capolista è il civilista 60enne Stefano Cosci (già consigliere e tesoriere in precedenti consiliature) e il nome scelto per il gruppo è “Uni-Re” con il relativo motto “Agire per Unire”.

Oltre al citato Cosci, compongono il gruppo: Simone Bazzoli, Stefania Benassi, Federico Bertani, Francesca Cilloni, Francesca Corsi, Marcello Fornaciari, Paolo Nello Gramoli, Floriano Nizzi, Rebecca Pervilli, Franca Porta, Francesca Preite, Giulio Sica. Dall’indicazione sugli avvocati che scendono in campo, all’illustrazione delle idee: «Le prossime elezioni del consiglio dell’Ordine degli avvocati di Reggio Emilia, pur preludendo ad una consiliatura brevissima (circa un anno e 6 mesi) potrebbero rivelarsi difficili – entra nel merito la lista con un comunicato-stampa – a causa dei precedenti noti conflitti. Proprio per questo motivo, alcuni consiglieri dimissionari, dopo lungo lavoro di ascolto di molti colleghi e dopo ampie riflessioni, hanno costituito un gruppo di avvocati che si candiderà alle prossime elezioni del Consiglio, rappresentando eterogeneità di esperienze ma unità di intenti e coesione profonda sulla finalità di agire per unire l’avvocatura e sul desiderio di mettersi al servizio dei colleghi». Poi una riflessione sul nome scelto e sulla guida della lista: «Le parole utilizzate si commentano da sole ed esprimono in forma immediata e diretta che i candidati si propongono di superare i precedenti conflitti e risentimenti e di lavorare insieme per il futuro dell’avvocatura in ottica di unità, nell’interesse esclusivo della categoria. Pochi e concreti gli obiettivi, anche per la brevità della consiliatura a venire, ma importanti e ambiziosi. Nell’ottica dell’UniRe, i membri del gruppo hanno ritenuto unanimemente di affidare la guida ad un collega come Cosci di provata esperienza consiliare, conosciuto e stimato da tutti ma soprattutto che non ha mai preso posizione nelle vicende della consiliatura precedente. Il gruppo intende dimostrare – concludono – che gli avvocati del foro reggiano sono capaci di lavorare uniti per il bene dell’avvocatura e dell‘amministrazione della giustizia, abbandonando risentimenti e posizioni precostituite».

Da tempo, invece, si sa che il penalista 59enne Enrico Della Capanna (è stato tesoriere dell’Ordine, ma anche presidente della Camera Penale a Reggio Emilia) è alla testa della lista battezzata “Avvocati liberi e protagonisti”. A fianco di Della Capanna scendono in campo Elisa Badodi, Francesca Baldi, Helmut Bartolini, Giorgio Boiardi, Ernesto D’Andrea, Andrea Davoli, Antonella Giglioli, Federica Malvezzi, Matteo Marchesini, Simone Servillo, Maura Simonazzi, Giovanni Tarquini, Francesco Tazzari, Marta Verona.

Programmi e propositi del raggruppamento verranno resi pubblici solamente dopo la scadenza del termine (fissato a mezzogiorno del 26 aprile) per la presentazione delle candidature .

Al voto sono coinvolti 1.128 avvocati: urne aperte dal 10 al 14 maggio nell’aula “5” del tribunale. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA