Dal profilo con 11mila follower il video che scatena il caso

Il giovane preferisce non commentare i fatti. Anche lui ieri è stato sentito dagli investigatori. Intanto ha chiuso la privacy dei profili

rubiera. «Per adesso non posso commentare, dato che c’è un’indagine in corso». Il 24enne autore del video per il momento preferisce non raccontare pubblicamente, cosa è accaduto. Anche lui ieri lo ha fatto però davanti ai carabinieri di Rubiera, che lo hanno convocato nell’ambito di quella indagine che – come dice – in effetti c’è dopo che le sue stories sono diventate di dominio pubblico.

Con un profilo Instagram da 11mila follower, il giovane è parecchio seguito e ha sicuramente una naturale dimestichezza con i social.


Dove però quasi nulla ormai resta affare privato, dal momento in cui viene condiviso e anche se nelle impostazioni lo fosse stato con un numero ristretto di “amici”.

L’immediata riproducibilità di qualsiasi cosa – da un post, una foto, un filmato – fa sì che nel giro di pochissimi istanti tutto questo arrivi via smartphone alla portata di tutti. Così è stato: qualcuno lo ha preso da lì e lo ha diffuso. Il giovane fin da domenica sera ha limitato gli accessi ai propri profili social, probabilmente per recuperare un po’ di quella privacy che siamo abituati a condividere. Ma ormai il video è, come si dice, diventato virale. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA