Fiamme dalla canna fumaria È un passante a dare l’allarme

Provvidenziale l’avvistamento da parte di un automobilista: il padrone di casa  e figlio non se n’erano accorti. Danneggiate due stanze e il tetto dell’abitazione

viano. Incendio in via Fondiano, sulla provinciale Albinea-Casina. È scoppiato ieri intorno alle 13.30 in un abitazione situata al civico 32.

Ad accorgersene è stato un automobilista che, giunto nei pressi della casa, ha visto una densa colonna di fumo e fuoco uscire dalla finestra del sottotetto e dal tetto. È stato lui ad avvertire i vicini, che hanno dato l’allarme ai proprietari e, nello stesso tempo, hanno chiamato i vigili del fuoco. In attesa del loro arrivo, i due vicini con i proprietari sono saliti al terzo piano, nella camera da letto dove si è sviluppato l’incendio e hanno cominciato a liberare la stanza dai mobili e dai documenti. Con una gomma hanno provato a spegnere l’incendio, che cominciava ad aumentare.


Sul posto sono arrivati i vigili da Reggio Emilia e Castelnovo Monti, con due autocisterne e un camion con scala. La loro competenza e professionalità si sono subito notate e, nel volgere di poco tempo, sono riusciti a domare l’incendio e a mettere in sicurezza la parte del tetto interessata dalle fiamme.

Le cause sono da attribuire al surriscaldamento della canna fumaria del caminetto dell’abitazione, nella parte che esce dal tetto in legno ventilato.

Il caminetto si trova al primo piano dell’abitazione, dove al momento del rogo si trovavano il proprietario e suo figlio, che non si erano accorti dell’incendio. Per fortuna l’automobilista ha notato il fumo e il fuoco e ha dato l’allarme, altrimenti i danni sarebbero stati molto maggiori. Ora solo due camere da letto sono inagibili. Intorno alle 16.30 i vigili sono rientrati nelle rispettive caserme. Sul posto è intervenuta anche la polizia locale dell’Unione Tresinaro Secchia e i carabinieri. —

Domenico Amidati

© RIPRODUZIONE RISERVATA