Una campagna della Municipale per l’uso corretto del monopattino

In un video disponibile sul canale YouTube del Comune due agenti, fingendosi attori, spiegano le norme da seguire

REGGIO EMILIA. Un video e lezioni pratiche per insegnare a usare correttamente il monopattino, che è a tutti gli effetti una bicicletta e come tale la sua circolazione deve sottostare alle stesse norme del codice della strada che valgono per i velocipedi. Detto così è troppo facile. Più difficile farlo capire a chi, adulto o adolescente che sia, sfreccia arrivando anche a 25 chilometri orari per il centro storico zigzagando su e giù per i marciapiedi, incurante della propria incolumità e di quella altrui. La Municipale ha prodotto un video utilizzando un linguaggio ironico e leggero, della durata di 7 minuti e disponibile sul canale You Tube del Comune che è una mini lezione di scuola guida con dimostrazione di “uso” pratico del monopattino nelle diverse situazioni stradali. «Il video – spiega Daysi Melli della Municipale – è stato realizzato grazie alla disponibilità di alcuni nostri agenti che in maniera volontaria lo hanno girato e montato. L’idea di base è stata quella di usare un linguaggio scherzoso, il più possibile simile a quello dei ragazzi a cui ci rivolgiamo e visto il positivo riscontro degli altri due video che abbiamo realizzato lo scorso anno per i bambini delle scuole primarie, l’idea è quella di farle altri».

I protagonisti


La difficoltà era proprio quella di spiegare le norme del codice della strada senza essere troppo pedanti. Protagonisti del video girato in via Brigata Reggio e nei dintorni, i due agenti della Municipale improvvisati attori: Alessandro D’Antonio e Antonio Pugliano (affiancati in alcuni momenti dai due giovani conducenti Filippo e Viola), che sanno spiegare con chiarezza le norme da seguire e sanno prendersi in giro reciprocamente, con il risultato di rendere la lezione di guida gradevole. Ma alle spalle dei due attori c’è tutta la post produzione e la parte grafica tutta made in Municipale.

Le regole

In sintesi per usare il monopattino non è necessaria la patente ma conoscere le norme del codice della strada. Non si devono mai superare i 25 km orari o i 6 km orari all’interno delle isole pedonali. È possibile utilizzarlo sulle strade extraurbane solo se ci sono le piste ciclopedonali. Inoltre è vietato utilizzare il telefono senza auricolare mentre si guida e dai 14 ai 18 anni è obbligatorio l’uso del casco (anche se in realtà il suo utilizzo è sempre raccomandato). Si può ascoltare musica ma con un solo auricolare. Non è possibile infine viaggiare in due sul monopattino o tantomeno tenere oggetti in mano, ombrello compreso. Deve essere dotato del regolatore di velocità, di freni, di luci anteriori bianche e posteriori rosse (altrimenti non è possibile utilizzarlo dopo il tramonto) e avere un motore con una potenza non superiore a 500 watt. Il monopattino può essere utilizzato su tutte le strade urbane, sulle piste ciclopedonali e non può essere usato sui marciapiedi. Di notte va utilizzato con le luci sempre accese e indossando obbligatoriamente i giubbotti o le bretelle rifrangenti. Nell’attraversamento utilizzando le strisce pedonali il monopattino va portato a mano, mentre possiamo rimanere sul monopattino negli attraversamenti ciclopedonali. Infine va ricordato che a Reggio è possibile utilizzare solo in monopattino.

I mezzi

Altri mezzi elettrici come il monociclo Monowheel (quello che viaggia su una sola ruota), il segway (il veicolo a due ruote auto bilanciato senza manubrio) e prodotti similari sono invece in fase di sperimentazione e la circolazione non è consentita. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA