Vende una cameretta online, le svuotano il conto: due denunce

Si tratta dei due intestatari delle postepay su cui sono confluiti fraudolentemente i soldi della vittima, in corso di identificazione la donna autrice materiale della truffa

QUATTRO CASTELLA. Due denunciati e una donna ancora in corso di identificazione è il bilancio delle ultime indagini in ordine a una truffa online ai danni di una 55enne reggiana che voleva vendere online una cameretta e si è ritrovata con il conto azzerato. I truffatori hanno messo le mani su ben 4mila euro depositati sul conto corrente della malcapitata.
 
Lei aveva pubblicato una inserzione sul web per vendere la cameretta ma anziché ricevere i soldi richiesti si è vista sottrarre i soldi che possedeva. Ormai rodato il sistema dei truffatori della rete. Una sedicente acquirente ha contattato la venditrice e, oltre a mostrarsi molto interessata all’acquisto, si è detta disponibile per effettuare immediatamente il pagamento. L’unica richiesta avanzata è stata relativa al metodo di pagamento concordato con la modalità della ricarica del conto attraverso l’utilizzo di un Atm bancario. L’operazione è possibile solo attraverso l’inserimento di un codice fornito dall’acquirente. 
 
In contatto telefonico con la donna la vittima, recatasi a eseguire l’operazione su indicazione dell’interlocutrice, ha effettuato non una, ma tre operazioni, finendo per registrare inconsapevolemente un addebito per oltre 4.000 euro. La 55enne si è rivolta dunque ai carabinieri della stazione di Quattro Castella formalizzando la relativa denuncia. I militari hanno così scoperto che la truffatrice, per portare a compimento il colpo, si era avvalsa di due complici prestanome ora finiti nei guai: un 48enne e un 39enne entrambi sassaresi risultati rispettivamente intestatari delle postepay dove sono confluiti i soldi del conto prosciugato. 
 
I due sono stati quindi denunciati per concorso in truffa. Le indagini stanno proseguendo per risalire all’autrice materiale della truffa. Al riguardo si stanno scandagliando le conoscenze e frequentazioni dei due complici.