Undici interventi sulla montagna reggiana

Barbara Lori, assessore regionale alla Montagna e aree interne, e Davide Baruffi, sottosegretario

Castelnovo MOnti, programma regionale per le aree più fragili colpite dalla pandemia: recupero di spazi, strutture sanitarie, edifici e viabilità

CASTELNOVO MONTI. Riqualificazione di piazze e spazi pubblici, luoghi di aggregazione, strutture sanitarie; interventi per migliorare, rendere più sicuri e funzionali scuole ed impianti sportivi. Recupero di edifici storici e di interesse culturale. Manutenzione straordinaria della viabilità. Sono i settori d’intervento del programma di investimenti della Regione per i territori appenninici delle province di Reggio Emilia, Parma, Modena, Bologna, Forlì-Cesena, Ravenna e per le aree interne del Basso Ferrarese: 14,7 milioni di euro stanziati dal bilancio regionale – e che potranno coprire fino al 95% del costo dell’intervento – per sostenere la ripartenza di aree che, per le loro caratteristiche geografiche, fisiche, socio-economiche, rischiano di pagare un prezzo alto alla pandemia.

Centocinque i Comuni coinvolti in 83 progetti, dei quali un terzo già cantierabili, per un investimento pubblico complessivo di quasi 27 milioni di euro. Si completa così il “Programma straordinario per i territori colpiti dalla pandemia e aree montane e interne” sostenuto dalla Regione con uno stanziamento complessivo di 40 milioni. Presentato ieri a Bologna dall’assessore regionale alla Montagna, aree interne e programmazione territoriale, Barbara Lori, assieme al sottosegretario alla presidenza della giunta, Davide Baruffi, il pacchetto di interventi è stato messo a punto grazie alla collaborazione tra Regione e amministrazioni locali. «Sono molto soddisfatta dell’esito del percorso intrapreso dai Comuni, che hanno saputo cogliere, con spirito costruttivo e solidale, le sollecitazioni della Regione – sottolinea Lori –. Sono così riusciti a dare il proprio contributo nell’elaborazione di progetti fondamentali per il territorio, che aumentano la capacità di rispondere alle esigenze dei cittadini, in chiave d’implementazione dei servizi essenziali e potenziamento delle infrastrutture».


«Con questi interventi lavoriamo per ridurre quella distanza tra centro e periferia e le distanze socioeconomiche fra territori che con la pandemia rischiano invece di aumentare – spiega Baruffi –. Investire è condizione fondamentale per promuovere uno sviluppo di qualità, sostenibile e inclusivo per tutta l’Emilia-Romagna, anche per essere pronti alla ripartenza non appena ci saremo lasciati alle spalle questi mesi molto duri».

Undici i progetti che riguardano la montagna reggiana, con un costo totale di 2.865.667 euro e contributi per 1.242.108 euro. Nel dettaglio: a Baiso, manutenzione straordinaria e messa in sicurezza spazi e strade pubbliche a Baiso e Viano (costo totale 130.068 euro, contributi per 123.439); a Canossa, riqualificazione urbana dell’area adiacente all’edificio ex sede Cri in piazza Matilde di Canossa (costo 145.000 euro, contributo 115.457); a Carpineti, manutenzione straordinaria della rete stradale (costo 151.142, contributo 120.914); a Casina, rigenerazione urbana di area attrezzata a servizio della scuola media e del centro (costo 133.605 euro, contributo106.884); a Castelnovo Monti, manutenzioni straordinarie strade comunali, percorsi pedonali e manufatti di sostegno anni 2021-2022 (costo 155.000 euro, contributo 120.315); a Toano, manutenzione e messa in sicurezza della viabilità pubblica in varie località(costo 170.104, contributo130.104); a Ventasso, realizzazione di interventi di miglioramento dell’efficienza energetica e adeguamento normative impiantistica scolastica (costo 1.459.729, contributo 100.000) e realizzazione di nuovi parcheggi comunali con riqualificazione dell’area limitrofa a piazza del lago a Cerreto Laghi (costo 44.218, contributo 37.067); a Vetto, riqualificazione urbanistica per realizzare la porta del capoluogo con creazione di spazi, luoghi e locali di uso pubblico - primo lotto(costo 180.000 euro, contributo 132.127); a Viano, lavori di rifacimento e riqualificazione della pubblica illuminazione con efficientamento energetico a Viano e Baiso (costo 121.900, contributo 115.930); a Villa Minozzo, ampliamento e adeguamento della farmacia comunale e ambulatorio medico ad Asta(costo 174.900, contributo139.870).