«Attacchi strumentali e falsi sulle esumazioni al cimitero»

L’amministrazione comunale replica alle polemiche dell’opposizione «Investiamo 500mila euro per una nuova ala nel cimitero del capoluogo»

CADELBOSCO SOPRA. «Le critiche del consigliere capogruppo di opposizione Zani non sono imparziali, perché hanno come obiettivo falsare la realtà». Questa la replica dell’amministrazione comunale a Marino Zani, capogruppo di “Cadelbosco per tutti”, dopo le critiche sulle esumazioni al cimitero di Cadelbosco Sotto. In riferimento alla polemica sui social e ad alcune foto pubblicate da un utente, poi cancellate con tante scuse, l’amministrazione comunale in una nota scrive: «Innanzitutto quelle sui social sono pervenute non “dai cittadini” (come dire, tutto il paese si è rivoltato in massa) ma da un cittadino che ha innescato il solito giochino politico, passandolo come intervento di cittadinanza attiva. In realtà, e l’articolo uscito sulla Gazzetta l’altra mattina lo conferma, appare evidente lo stretto legame tra le due cose: sui social si accende la brace, sulla stampa si alimenta in modo da creare ad arte questo stato di perenne emergenza anche quando si parla di un’operazione organizzata, condivisa e partecipata dai familiari». E ancora: «Sembra che le foto siano state pubblicate dallo stesso cittadino che ha poi cancellato il post quando ha capito di non aver raggiunto il proprio scopo. Perché sono state pubblicate?– si chiede l’amministrazione comunale –. Ci chiediamo come mai questo non sia considerato lesivo come comportamento. Chiaramente il post è stato cancellato dicendo che non era intenzione offendere. Probabile, perché siamo convinti che il solo e unico obiettivo era quello di mettere in cattiva luce l’operato dell’amministrazione. Chi ha pubblicato il post e gli scatti non ha mai pensato di poter ledere la sensibilità di altri, perché è talmente forte il pregiudizio nei nostri confronti che non vede altro scopo. Come la critica sui “sacchi bianchi poco eleganti”, quando quei sacchi sono gli involucri che, secondo quanto previsto dalle normative, sono preposti allo smaltimento di ciò che rimane del legno. Perché suscitare tanto deplorevole scalpore, quando tutte queste operazioni sono realizzate da ditte che lavorano con la professionalità e sensibilità richiesta dal contesto, come testimoniato dalle famiglie presenti sul posto?» «Noi accettiamo le critiche – prosegue la nota – perché, se portate in un’ottica costruttiva, servono a migliorare il nostro lavoro. Queste non sono critiche, sono pretesti per continuare ad alimentare falsità».

E sulle critiche mosse da Zani sulla mancata programmazione di loculi, l’amministrazione replica: «Le dichiarazioni del capogruppo Zani, che ritiene “sacrosante”, sono quanto di più lontano ci sia dal nostro modo di intendere la pubblica amministrazione, e dovrebbero essere lontano anche per chiunque ricopra un ruolo come consigliere comunale. Questa amministrazione, diversamente dal passato, ha voluto investire negli spazi cimiteriali, come mostra la recente approvazione del Documento unico di programmazione, con un investimento molto importante di 500mila euro per una nuova ala del cimitero del capoluogo. Prima le disposizioni erano quelle di non investire in nuovi loculi rispondendo alla crescente domanda con il posizionamento a terra, che si andrà comunque ad implementare in una nuova area nel cimitero di Cadelbosco Sotto. Ci auguriamo di non dover più spendere parole riguardo ad atti simili – conclude la nota dell'amministrazione comunale –. Il nostro paese, la nostra comunità, merita serietà e rispetto». —


M.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATASull