Croce Verde: Correggi lascia la presidenza al suo posto Franchini

VENTASSO. Storico cambio della guardia per la Croce Verde Alto Appennino. Dopo oltre quindici anni di attività, Franco Correggi si è dimesso dall’incarico di presidente della pubblica assistenza con sede a Busana e attiva in tutto l’enorme territorio di Ventasso, dal confine ramisetano con Parma sino a Ligonchio. Correggi, residente a Cervarezza, conosciutissimo e stimato ex dipendente comunale di Busana, ha rassegnato le dimissioni per motivi personali, ma non abbandonerà la Croce Verde, rimarrà infatti all’interno del consiglio direttivo e ricoprirà il ruolo di tesoriere.

Il nuovo presidente è un giovane volontario che nella Croce Verde Alto Appennino è cresciuto: il 25enne Federico Franchini di Busana. «Innanzitutto, a nome di tutti i volontari ringrazio Franco per i 15 anni di presidenza che ha svolto con passione e dedizione, ciò ha permesso di avere sul territorio una realtà consolidata ed essenziale. Accetto con entusiasmo l’incarico conferito dal consiglio direttivo. Cercherò di proseguire il buon lavoro svolto in questi anni da Franco, per dare continuità a un servizio cruciale per il territorio», commenta ora Franchini.


Un primo appuntamento importante è in arrivo: «A breve comincerà il corso per nuovi volontari, una grande risorsa di cui abbiamo estremamente bisogno. Invito quindi, tutti i cittadini della montagna a promuovere e a sostenere l’Alto Appennino anche con la partecipazione attiva all’interno dell’associazione. Essere volontari è un’opportunità unica di formazione, socialità, amicizia e solidarietà».

La pubblica assistenza opera sul territorio di Ventasso da oltre 25 anni, fornendo il supporto in emergenza 24 ore su 24, servizi alla popolazione con trasporti ordinari dei pazienti, dialisi e la turnazione dell’automedica all’ospedale di Castelnovo Monti. Uno sforzo imponente. Le esigenze sono alte: il servizio di emergenza “h24” richiede 35 volontari a settimana, il servizio di automedica, svolto nella prima settimana di ogni mese, richiede 21 volontari, per un totale di 56 servizi di emergenza mensili. Un carico ulteriormente appesantito dall’emergenza sanitaria e dalle lunghissime distanze da coprire per raggiungere i vari angoli del Comune appenninico. Chiunque voglia conoscere l’associazione, può visitare il sito www.croceverdealtoappennino.re.it e chiamare il numero telefonico 0522 891101. —

Adr.Ar.

© RIPRODUZIONE RISERVATA