Cautele anti-Covid e tanti gli avvocati assenti per sciopero

Complice lo sciopero di tre giorni (terminerà domani) in atto da parte degli avvocati penalisti, ieri la presenza di legali in aula per il processo Grimilde è stata a dir poco risicata. Un’astensione dalle udienze che arriva anche in un momento difficile della pandemia, quindi in un processo che annovera molti difensori che arrivano da fuori regione, era preventivabile un’udienza poco partecipata dagli avvocati. Per chi è presente, massima attenzione alle misure anticovid, a partire dalle mascherine e dal distanziamento di sicurezza, ma c’è anche chi – come la pm Beatrice Ronchi – si cautela ulteriormente usando guanti usa e getta. Latitano pure gli imputati, mentre dalle strutture carcerarie di Novara e Frosinone sono collegati come sempre i due imputati che devono difendersi dall’accusa più grave di associazione mafiosa: padre e figlio, Francesco (66 anni) e Paolo (31 anni) Grande Aracri.