C’è un droga-party nel garage Denunciato un ventenne

Sequestrati 40 grammi di hascisc e un bilancino di precisione. Sei giovani multati per avere violato le disposizioni anti-Covid

Cadelbosco Sopra. La segnalazione di un sospetto e continuo andirivieni di giovani nei pressi del garage di un condomino del paese ha interrotto un droga-party. Una telefonata anonima al 112, infatti, ha fatto scattare il controllo da parte dei carabinieri della stazione locale. È avvenuto venerdì poco dopo le 22.

Seduti attorno a un tavolo rettangolare, i militari hanno trovato sei giovani, uno dei quali, un 20enne figlio del proprietario del garage, teneva in mano uno spinello appena acceso. In suo possesso c’era altra droga (in tutto, oltre 40 grammi di hascisc),un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento. Il giovane è stato denunciato per detenzione di droga ai fini di spaccio.


Al loro arrivo, i militari dell’Arma hanno notato sul retro del condominio, in corrispondenza di un garage, alcune biciclette appoggiate al muro e, all’interno dello stesso locale, la luce accesa e le voci di alcuni ragazzi. All’apertura del basculante, hanno trovato i sei giovani seduti a un tavolo rettangolare. Nel garage, un forte odore di cannabis.

Il giovane con lo spinello ha consegnato spontaneamente ai carabinieri – oltre allo spinello che aveva appena acceso – una busta, prelevata dal cassetto del tavolo, contenente due pezzi di hascisc, un bilancino di precisione e tre involucri di cellophane trasparenti contenenti vari frammenti di hashish di varie dimensioni. Il tutto è stato sequestrato. Tenuto conto del quantitativo, delle modalità di detenzione e del possesso di un bilancino di precisione per la pesatura, il 20enne è stato denunciato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

A tutti i convenuti, ovvero i sei ragazzi, è stata contestata la violazione del decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 2 marzo 2021 emanato per il contenimento al contagio del Covid-19, in relazione all’assembramento rilevato. Pertanto la violazione ha comportato per ognuno di loro la sanzione di 400 euro prevista in questi casi. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA