Il Comune invita a pedalare con il progetto bike to work

Il Consiglio approva l’idea di aderire al Club imprese amiche della bicicletta. I dipendenti che useranno la bicicletta e i mezzi pubblici saranno assicurati 

MONTECCHIO. L’invito a un maggiore uso della bicicletta per recarsi al lavoro arriva direttamente dal Comune e dal primo cittadino. Durante l’ultimo consiglio comunale, infatti, è stato approvato un ordine del giorno che impegna l’amministrazione locale ad aderire al Club imprese amiche della bicicletta (Ciab) a supporto del progetto bike to work. L’ordine del giorno è stato presentato dalle consigliere Sonia Viviana Grisendi e Cinzia Turrini. Il sindaco Fausto Torelli ha salutando con favore il progetto: «Spero in un maggior utilizzo della bicicletta in linea con le finalità dell’iniziativa».

L’ok all’iniziativa è arrivato venerdì durante un consiglio comunale svoltosi in modalità mista, con la presenza in sala della Rocca dei soli Torelli, l’assessore Stefano Ferri, il segretario e i capigruppo Paolo Ferretti e Clizia Cantarelli (gli altri, online). Il progetto bike to work intende incentivare l’utilizzo della bicicletta per recarsi sul luogo di lavoro, riconosciuto quale strumento di miglioramento ambientale e diffusione della cultura della mobilità sostenibile unitamente all’uso dei mezzi di trasporto pubblico collettivo. Il Comune doterà di una copertura assicurativa i suoi dipendenti per tutti gli spostamenti in bicicletta e promuoverà presso le aziende presenti sul territorio la medesima iniziativa.


Durante la seduta si è discusso anche della disciplina del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria, più conosciuto come canone unico: tale tema è stato esposto dall’assessore a bilancio e tributi Ferri. Infatti, a partire dal 2021 il canone unico ha sostituito il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche, l’imposta comunale di pubblicità e i diritti sulle pubbliche affissioni. Si tratta di un canone che ha natura di entrata patrimoniale e non tributaria e semplifica il quadro dei tributi comunali, disciplinato dall’ente così da assicurare un gettito pari a quello conseguito dai canoni e dai tributi sostituiti e garantire i necessari equilibri nelle entrate.

Il tavolo di lavoro municipale, composto dall’assessore Ferri e dai direttori dei settori competenti, ha predisposto il regolamento di tale canone in sinergia con gli altri comuni dell’unione e sulla base delle disposizioni della legge nazionale che lo ha istituito, ottenendo l’approvazione da parte del consiglio. —


© RIPRODUZIONE RISERVATA