Malavasi: «La volontà e la tenacia dei lavoratori sono state decisive»

RIO SALICETO. «Questo è un miracolo, e io sono felicissimo».

Non nasconde la sua soddisfazione Lucio Malavasi, sindaco di Rio Saliceto, per la decisione del tribunale che ha permesso di salvare l’azienda Goldoni, il marchio e almeno 110 posti di lavoro.


«All’inizio – ricorda Malavasi –, quando è partita la crisi, gli occupati erano più di duecento. Molti sono andati via prima che venisse trovato l’accordo, altri sono stati accompagnati con incentivi e, per più di metà, è stato salvato il posto di lavoro».

È l’ora dei ringraziamenti: «Innanzitutto, vorrei sottolineare l’egregio lavoro dell’assessore regionale Vincenzo Colla, che si è distinto per competenza ed efficacia. Un grazie anche ai sindacati. In più, vorrei ricordare e far presente la determinazione, la volontà e la tenacia di questi lavoratori che da sette mesi sono davanti all’azienda per salvare il loro posto di lavoro. Se non avessero fatto così, oggi non saremmo a questo punto».

Tutto il paese di Rio Saliceto ne trarrà beneficio: «La Goldoni, anche se fisicamente sul territorio carpigiano, è l’azienda storica di Rio Saliceto, agganciata all’indotto del nostro paese: molte nostre fabbriche lavorano per la Goldoni e sono felicissimo che questo simbolo di Rio Saliceto possa ricominciare a lavorare: significa far ripartire la nostra economia».

Malavasi ha già conosciuto i nuovi proprietari: «Mi hanno fatto un’ottima impressione, a differenza della vecchia proprietà. Niente annunci, niente proclami, niente enfasi: tutta sostanza. È una famiglia, come era Goldoni: padre e due figli, alla prima impressione, mi sono sembrati molto volenterosi e spero che si avveri tutto quello che ci hanno detto». —

G.G.

© RIPRODUZIONE RISERVATA