Bacchiavini in Consiglio al posto di Berni, si parla anche dei rami pericolosi

GUASTALLA. Il gruppo “Per Guastalla” ha presentato due interrogazioni che verranno discusse nella seduta on line di oggi alle 19 del consiglio comunale. Nella prima, i firmatari fanno presente che piazza Matteotti, l’area del bar Campanon e dell’ex ospedale civile sono affollate per le visite mediche e sono frequentate anche da numerosi bambini. Inoltre, su via Salvador Allende passano centinaia di studenti del plesso scolastico e, sulla pedonale, cittadini diretti al vicino ospedale. È stato segnalato che sulla sede stradale cadono, dalle piante di alto fusto che adornano i luoghi indicati, rami secchi di dimensioni non piccole che possono arrecare danni fisici alle persone e ai veicoli in sosta. Secondo il gruppo “Per Guastalla”, le potature risulterebbero da diverso tempo abbandonate dall’amministrazione comunale, o rinviate a futura data. Da qui la domanda: «Le potatura di queste piante sono in calendario per questa primavera o saranno rinviate al prossimo anno?».

Nella seconda interrogazione i consiglieri Elisa Rodolfi e Vincenzo Iafrate chiedono quali misure l’amministrazione comunale intende adottare al fine di rendere percorribili i tratti di strada in via Cavour, via Volturno, via Piave per tutelare gli “utenti deboli” come pedoni, ciclisti e persone con disabilità, sottolineando il bisogno di una segnaletica orizzontale ben visibile. «Il breve tratto di collegamento della ciclopedonale tra la via Argine Crostolo e via 11 settembre, potrebbe essere inserito nel piano ampliamento piste ciclopedonali del territorio?», chiedono.


La seduta si aprirà con la sostituzione di Massimo Berni, consigliere dimissionario di “Guastalla Bene Comune”, membro anche della Commissione Consiliare Permanente “Affari istituzionali e finanziari, settori produttivi”. Al suo posto entra Luca Bacchiavini, 50 anni primo dei non eletti, diplomato in agraria, appassionato di ciclismo e che fino al 2014 è stato direttore tecnico di una società ciclistica. —

M.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA