Asp di Rio Saliceto, vaccinati tutti gli anziani e il 91% degli operatori sanitari

RIO SALICETO. Il vaccino contro il Covid-19 è un argomento che tiene banco in questo periodo anche per quanto riguarda le percentuali di adesione del personale che lavora nella sanità e nei servizi per anziani. Da questo punto di vista Alberto Ravanello, direttore dell’Asp Magiera Ansaloni, che gestisce numerosi servizi per anziani fragili per conto dei sei Comuni dell’Unione Pianura reggiana, esprime tutta la sua soddisfazione per i risultati raggiunti: «Nel pieno rispetto delle scelte personali di ognuno, il piano vaccinale portato a termine tra gennaio e febbraio ha registrato il 100% di adesione da parte degli ospiti delle case residenza anziani e del centro diurno attualmente in funzione, e il 91% di adesioni da parte degli operatori socio-sanitari di Asp. Un risultato molto positivo, ottenuto grazie a una capillare attività di informazione nei confronti degli operatori, portato avanti da diverse figure professionali, che consente di guardare con rinnovato ottimismo il futuro; pur consapevoli del fatto che il vaccino non è l’unica soluzione al problema Covid-19, ma ne costituisce un elemento fondamentale che contribuirà a uscire da una situazione che ormai stiamo vivendo da oltre un anno. Le difficoltà di questo periodo sono state diverse a seconda dei servizi – ha proseguito Ravanello –. Nelle case residenza di Campagnola, Rio Saliceto e San Martino in Rio, dove ci sono 116 posti in regime di accreditamento con l’Ausl e 15 posti privati per i quali ci si può rivolgere direttamente alle strutture, sono state vietate le visite dei parenti e le attività di volontariato, e quindi l’impegno è stato quello di far sentire meno soli gli anziani per i quali è fondamentale avere contatti con l’esterno. I centri diurni invece sono stati chiusi all’inizio dell’emergenza per poi essere riaperti, ma solo se separati dalle case residenza anziani; in tale ottica è stato aperto un centro diurno a San Martino in Rio con 8 posti e a breve verrà riaperto il centro diurno di Rolo con lo stesso numero di posti; il servizio di assistenza domiciliare ha dovuto fare i conti con i rischi connessi al fatto di lavorare direttamente al domicilio e quindi sono state intensificate le misure di sicurezza allo scopo di prevenire i contagi sia per gli operatori che per gli utenti e le famiglie». Marinella Santi, amministratore unico di Asp, ha aggiunto: «Sono orgogliosa degli operatori della nostra azienda e li ringrazio di cuore per come hanno lavorato in questo difficilissimo periodo, portando avanti la quotidianità con impegno, professionalità e passione nonostante le difficoltà, il rischio di contagiare e di essere contagiati, cercando con le loro azioni e i loro sorrisi, anche se nascosti dalle mascherine, di portare serenità e affetto a tutti i nostri anziani. Un ringraziamento speciale va a tutta la comunità di Rio Saliceto: aziende, privati e associazioni, che ci hanno sostenuto in questo anno difficile con le loro donazioni e la loro solidarietà». —

M.P.


© RIPRODUZIONE RISERVATA