L’appello del Comune di Toano: "Cercasi assessore donna"

Il sindaco Volpi: «Dopo le dimissioni di Grossi, difficile trovare chi voglia fare l’amministratore»



TOANO. «AAA cercasi assessore di sesso femminile». L’appello arriva dal Comune di Toano, attraverso un annuncio pubblicato sul sito istituzionale.


Una iniziativa che – bisogna dirlo – non è la prima volta che un Comune del Crinale si vede costretto a fare: nel Reggiano, la prima giunta del sindaco di Casina Stefano Costi si vide costretta a intraprendere la stessa strada. Questo perché il rispetto delle “quote rosa” in un piccolo Comune, soprattutto in zone di montagna, sta diventando qualcosa di non così facile da rispettare.

«L’assessore Erica Grossi si è dimessa, poichè si è trasferita a Castellarano: una situazione che non le rendeva possibile proseguire. Abbiamo scandagliato sul territorio – spiega Volpi – senza trovare. Da qui, la decisione di pubblicare questo annuncio».

Come mai non si trova chi abbia la spinta per indossare gli abiti dell’amministratore e farsi carico per una legislatura di ricoprire il ruolo? «Forse perché fare l’amministratore è impegnativo e spesso sono più oneri che onori...» ammette scherznado, ma non troppo, il primo cittadino. Sul piatto ci sono due deleghe di grande stimolo: cultura e turismo. «Le mettiamo insieme – spiega il sindaco – perché in montagna, per noi, fare cultura vuol dire anche fare turismo». Non è richiesto essere residente nel Comune di Toano. Quindi, l’occasione potrebbe interessare anche chi viene da fuori, ma ha un curriculum che incontri le richieste dell’amministrazione comunale toanese.

I requisiti, di base, sono non essere in condizioni di ineleggibilità, incompatibilità, di conflitto di interesse e di parentela o affinità con il sindaco (fino al terzo grado) e dipossedere un’adeguata esperienza tecnica, amministrativa e professionale, desumibile dal curriculum vitae.

Le candidature possono essere inoltrate a mezzo PEC all’indirizzo mail del Comune (comune.toano@legalmail.it) o presentate direttamente all’Ufficio protocollo del Comune entro le 13 del 30 marzo prossimo, allegando il proprio curriculum e una dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti. Ovviamente, si dovrà accettare anche il programma amministrativo e delle linee programmatiche di questa amministrazione comunale. La scelta sarà discrezionale e con tanto di colloquio. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA