Intasca 600 euro di caparra e sparisce, denunciato finto venditore d'auto

Era riuscito a raggirare un operaio di 23 anni, ma poi i carabinieri lo hanno identificato: si tratta di un 34enne bresciano

POVIGLIO. Ha pagato una caparra di 600 euro per l’acquisto di un’auto ma poi il venditore si è dileguato senza fargli arrivare la vettura. Il truffatore di turno, un 34enne bresciato, è stato identificato e denunciato dai carabinieri della stazione locale.
 
Il 34enne aveva pubblicato un’inserzione, per la vendita di una Volkswagen Polo, su Auto Scout, riuscendo a “piazzarla” al prezzo di 1000 euro (dovuto a uno sconto applicato sul prezzo originario) a un 23enne operaio di Poviglio.
 
Essendogli stato paventato che c’erano diverse richieste d’acquisto il giovane si è convinto a versare la caparra di 600 euro sul conto corrente fornitogli dal venditore. 
 
Capendo poi il raggiro si è rivolto ai carabinieri della stazione locale. Le indagini telematiche hanno permesso di arrivare al 34enne bresciano, con precedenti di polizia analoghi. 
 
Non avendo più notizie dal venditore il ragazzo aveva anche cercato di contattarlo ma l’uomo si era reso irreperibile. Ai carabinieri è bastato avere riscontri sul numero di telefono con cui aveva mantenuto i contatti, la mail utilizzata per l'annuncio trappola e il conto dove erano stati versati i soldi per risalire al 34enne poi denunciato.