La reggiana Valentina Vezzali nominata sottosegretaria allo Sport

La regina della scherma ha entrambi in genitori reggiani: il padre Lauro, di Correggio, e la madre Enrica di Montecavolo

REGGIO EMILIA. Ha sangue reggiano la nuova sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali. Nominata da Mario Draghi, la regina italiana della scherma è sì nata a Jesi nel 1974 ma da genitori reggiani.

Il padre Lauro, scomparso nel 1989 a 51 anni, era originario di Correggio ed è stato sepolto nel cimitero di Budrio. La madre Enrica Beneventi è originaria di Montecavolo ma vive a Jesi dal 1971 e attualmente cura i due figli della campionessa, entrata nel 2016 nella Walk of fame dello sport italiano.


Il presidente del Consiglio dei ministri Mario Draghi, investendo la Vezzali del ruolo di sottosegretaria allo Sport, ha di fatto compiuto un’altra scelta tecnica per un ruolo assolutamente strategico del suo Governo.

L’olimpionica ha un’infinita carriera sportiva alle spalle, nella quale ha vinto tutto. Vanta inoltre una conoscenza a 360° del mondo dello sport, cui ha dedicato la vita raggiungendo, come detto, le cime più alte.

Nel 2013 ha scelto di entrare in politica, venendo eletta in Parlamento con la lista Scelta Civica per l’Italia, partito fondato da Mario Monti.

La scelta della “reggiana” Vezzali al ruolo di sottosegretaria allo Sport ha ricevuto il plauso di tutti e la pluridecorata olimpionica ha messo subito in chiaro quale sarà il suo impegno programmatico nei prossimi mesi. «È una sfida importante, ben consapevole che il momento che stiamo vivendo è difficile. Mi riferisco soprattutto allo sport di base» ha commentato subito dopo l’investitura.

«L’impegno, così come in pedana, sarà volto a onorare l’Italia – ha quindi tenuto a chiarire l’olimpionica di fioretto –. Per questo sarà anche necessario supportare quanti si preparano ad affrontare sotto le insegne tricolori i Giochi olimpici e paralimpici di Tokyo».