Camionista fugge dopo aver speronato un altro tir, arrestato

Notte di inseguimenti e di aggressioni per i carabinieri di Casalgrande. Un trasportato belga di 47 anni è stato arrestato per danneggiamento, violenza e resistenza. Forse era ubriaco o sotto l'effetto di stupefacenti

CASALGRANDE. Notte movimenta per i carabinieri di Casalgrande. I militari sono intervenuti a Salvaterra dove un camionista belga di 47 anni, ha intenzionalmente speronato un altro mezzo pesante. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, il trasportatore ha prima tamponato un altro veicolo durante una manovra di parcheggio poi ha urtato  un autoarticolato che si era messo di traverso per impedire che si allontanasse dopo l'incidente.

Guadagnato il passaggio con la forza, l’autista belga ha cominciato a vagare per le strade del comprensorio ceramico guidando in maniera pericolosa e creando rischi per gli altri utenti della strada. Resisi conto di quanto stava accadendo, i carabinieri di Casalgrande, insieme ai colleghi della Sezione radiomobile di Reggio Emilia giunti in supporto, si sono messi alla ricerca dell’autoarticolato individuandolo nel comune di Scandiano. Nonostante gli sia stato più volte intimato l’alt, il camionista ha proseguito la sua corsa sino a raggiungere Sassuolo, dove finalmente si è deciso a fermarsi.

Nonostante tutte le cautele prese, un militare della Stazione di Casalgrande che stava cercando di bloccare l’autista è stato aggredito con calci e pugni tanto da essere costretto ad andare all'ospedale dove ne è uscito con una prognosi di sette giorni. Una volta immobilizzato con non poca difficoltà, l’uomo è stato condotto in caserma a Casalgrande dove, al termine delle formalità di rito, è stato arrestato per i reati di danneggiamento, violenza e resistenza a pubblico ufficiale e trattenuto a disposizione dell’autorità giudiziaria. Sono in corso gli accertamenti per verificare se l’uomo fosse sotto l’influenza dell’alcol e di sostante stupefacenti.