Compra online l'assicurazione della macchina ma cade nella truffa

Poviglio, i carabinieri hanno identificato e denunciato un 32enne di Caserta già conosciuto della forze dell'ordine per episodi analoghi

POVIGLIO. L'assicurazione della sua autovettura stava scadendo e un 32enne di Poviglio ha deciso di cercare su internet una polizza. Su un sito ha trovato la copertura che cercava a condizioni vantaggiose e ha quindi contattato l’utenza telefonica ricevendo da un finto agente un preventivo da 250 euro. Il 32enne ha pertanto stipulato la polizza che gli è stata inviata via WhatsApp, effettuando il pagamento sull’iban fornitogli dall’agente con l’accordo che avrebbe ricevuto il contratto via mail.

Attesa vana e così il 32enne ha ricontattato la compagnia di assicurazione apprendendo con stupore che nessuna polizza risultava sottoscritta e che pertanto la società non doveva inviargli alcun contratto. A questo punto il 32enne ha cercato invano di contattare il finto agente con il quale aveva interloquito ma senza risultati. A quel punto ha capito di essere caduto nella trappola di un truffatore e si è rivolto ai carabinieri del suo paese, formalizzando la denuncia. I militari hanno avviato le indagini e hanno identificato un 32enne di Caserta, già coinvolto in svariate analoghe truffe in tutta Italia, e lo hanno denunciato all'autorità giudiziaria reggiana con l'accusa di concorso in truffa.

Un fenomeno quello delle vendite di polizze assicurative “fantasma” online in continua crescita, per questo i carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Emilia sensibilizzano i cittadini a diffidare dalle offerte online troppo  vantaggiose. Difendersi da queste tipologie di truffe è possibile grazie all’Ivass (Istituto di vigilanza sulle assicurazioni) sul cui sito internet ciascun cittadino può verificare se la compagnia assicurativa, e l'intermediario che si contatta, esista davvero.