Reggio Emilia, il vescovo Camisasca scrive una preghiera anti-Covid

Il vescovo ha lanciato una campagna speciale di preghiera anti-Covid

REGGIO EMILIA.  Il vescovo di Reggio Emilia, Massimo Camisasca lancia una campagna speciale di preghiera anti-Covid. L'iniziativa è stata presentata stamattina in una conferenza stampa. Il numero uno della Diocesi reggiana ha scritto una preghiera "che sarà diffusa a tutte le parrocchie e a tutte le famiglie, affinché possa essere recitata da soli o assieme a familiari ed amici, appena alzati, prima di dormire o all'inizio del pranzo e della cena", spiega il vescovo.

Reggio Emilia, il vescovo scrive una preghiera "anti-Covid"

"Una preghiera per chiedere a Dio la conversione dei nostri cuori e delle nostre giornate per ottenere dalla sua misericordia la fine della pandemia - continua -: la preghiera non è un atto magico, ma una sollecitazione dei fedeli al Signore, di cui però non conosciamo il suo disegno e cosa vuole fare attraverso la pandemia".

L'idea - racconta Camisasca - "è stata suggerita da un editto del 1872, conservato in Curia, con una preghiera scritta e poi attaccati sui muri della città dall'allora vescovo di Reggio Emilia, Carlo Macchi per rivolgersi a Dio affinché facesse cessare 'straordinarie sciagurè come l'alluvione di quell'anno. Ma anche da una lettera che mi è arrivata da un padre di famiglia, il quale mi ha suggerito il pensiero di suo figlio di 8 anni, evidentemente ispirato dallo Spirito Santo, di invitare a una preghiera corale in tutte le case e in tutte le chiese".

Infine, in occasione della giornata nazionale vittime di Covid istituita il prossimo 18 marzo, il vescovo Camisasca celebrerà la Santa Messa alle 18 in Cattedrale a Reggio Emilia. Chi lo desidera, potrà mandare una mail all'ufficio liturgico col nome dei defunti da ricordare, che saranno poi nominati dal vescovo durante l'adorazione eucaristica.