Armi e munizioni rubate a un collezionista, 29enne torna in cella

L'arsenale recuperato dai carabinieri

Montecchio: la pm aveva fatto ricorso e il tribunale della libertà le ha dato ragione. L'arsenale era stato tutto recuperato

MONTECCHIO. Un ingente quantitativo di armi lunghe, corte e munizioni rubate venne recuperato dai carabinieri della stazione di Montecchio Emilia, in collaborazione con quelli della sezione operativa della compagnia di Reggio Emilia, e con una unità cinofile di Bologna, nel sottotetto di un condominio di Reggio Emilia di proprietà di un’anziana. Qui un crotonese 29enne, con precedenti specifici per armi, aveva portato  le armi che erano state rubate  il 22 settembre 2020 dall’abitazione di un collezionista di Montecchio. Ora l'uomo torna in cella.

L'arsenale era composto da una dozzina di pistole e da oltre 500 munizioni di vario calibro. Il 23 settembre 2020 l'uomo, Salvatore Spagnolo, residente in città, era stato arrestato. Successivamente all’arresto, il 30 novembre 2020, ottenne i domiciliari a cui il pm Maria Rita Pantani, titolare delle indagini, ha fatto appello ricorrendo al tribunale distrettuale della Libertà di Bologna. I giudici hanno accolto l'appello e ora l'uomo è tornato in carcere.

Le indagini avevano identificato come complici Angelo Aiello, 26enne residente a Cadelbosco Sopra, Salvatore Ranieri 23enne residente a Cutro ma di fatto domiciliato a Reggio Emilia e Francesco Francesco Migale 20enne residente a Cutro, che avevano preso parte al furto la sera del 22 settembre scorso.