Ragazzina di 14 anni scappa dalla comunità per raggiungere gli "amici" conosciuti sui social

E' stata ritrovata dagli agenti della polizia locale Bassa Reggiana in un appartamento di Parma assieme a tre giovani, tutti maggiorenni, che sono stati denunciati per sottrazione di minore

BASSA REGGIANA. È durato poco più di 72 ore l’allarme per una ragazzina di 14 anni che si è allontanata da una comunità per minori, approfittando dell’uscita libera con alcune amiche. Non vedendola rientrare, sabato sera gli operatori della struttura ne hanno denunciato la scomparsa.

La segnalazione è arrivata in Prefettura di Reggio Emilia che, come sempre capta in questi casi, ha coordinato le ricerche delle forze dell'ordine. In particolare è stata allertata la polizia locale della Bassa Reggiana dove risiede la famiglia della minore, a conoscenza della storia personale della minorenne.

Gli agenti si sono subito messi all’opera per cercare di rintracciarla, assumendo quante più informazioni possibili dagli educatori e dagli altri ospiti della comunità. Sono stati ricostruiti gli ultimi movimenti e la catena delle amicizie della ragazzina che è risultata molto attiva sui social. Il suo cellulare però dal momento della sparizione, è risultato spento e non rintracciabile. Alle ricerche hanno partecipato le polizie locali  dell'Unione Terre di Mezzo, dell'Unione Pedemontana Parmense e la municipale di Parma. Proprio grazie alle notizie fornite dagli amici e dai ragazzi della comunità e monitorando i profili social di alcuni di loro, è stato possibile restringere il campo delle ricerche.

La svolta si è avuta la mattina di martedì 16 febbraio , quando la ragazza ha tentato di contattare una amica utilizzando l’account di un social in uso a un giovane, di nazionalità italiana, residente in uno dei paesi della fascia pedemontana del Parmense. Con l’aiuto degli agenti del posto è iniziata la ricerca del ragazzo, che però non risultava più vivere con i familiari, e solo nel pomeriggio è stato possibile localizzarlo mentre si trovava a Sala Baganza, un comune a pochi chilometri da Parma. A questo punto, gli agenti della polizia locale hanno iniziato una paziente opera di osservazione e pedinamento che li ha portati a scoprire l’appartamento dove il giovane viveva, a Parma città.

Alle 20 di martedì scorso gli agenti della municipale della Bassa Rergiana e di Parma sono entrati nell'appartamento all’interno del quale si trovava anche la quattordicenne che è stata immediatamente presa in consegna dagli operatori dei servizi sociali e della comunità. In casa, oltre al giovane, c'erano altri due maggiorenni di cui uno straniero. Tutti sono stati identificati e denunciati per sottrazione di minore. Attualmente sono in corso le indagini per approfondire alcuni aspetti della questione e determinare i ruoli di ciascuno degli indagati.

Sembra che alla base della fuga della ragazzina ci siano stati l'influenza  e i condizionamenti  di “amicizie” conosciute sui social. “Fondamentale per il ritrovamento della ragazzina è stata la collaborazione tra diversi Corpi di polizia locale – ha affermato Carlo Alberto Romandini, comandante del Corpo Unico Bassa Reggiana - Si tratta del terzo minorenne scomparso che riusciamo a rintracciare dall'inizio dell'anno”.