Comunità in festa per i 90 anni di monsignor Vezzosi

Il sacerdote è l'amato parroco di Villa Aiola, ora anche cappellano della Casa di carità

MONTECCHIO. Nei giorni scorsi la comunità di Montecchio ha festeggiato il compleanno di un cittadino speciale: i 90 anni di monsignor Antenore Vezzosi, sacerdote della chiesa reggiano-guastallese e amato parroco di Villa Aiola. Anche il Comune di Montecchio gli ha dedicato un messaggio: «Auguri, don Antenore. Dio le conceda la salute e quella gioiosa speranza che a 90 anni riesce ancora ad infondere nella vita di tante persone».

Tanti i ruoli che il monsignore ha ricoperto nel suo percorso. È nato a Pantano di Carpineti l’8 febbraio 1931. Da giovane ha frequentato le scuole medie a Castelnovo Monti nel periodo della Seconda Guerra Mondiale, dove più volte ha rischiato le pallottole tedesche, dovendo camminare attraverso i boschi con lo zaino in spalla, come erano soliti fare i partigiani. Dopo gli studi svolti al seminario di Marola, nel 1948 si è trasferito nel seminario di Albinea per completare il ciclo del liceo. È stato ordinato sacerdote il 4 luglio 1954 nel santuario della Ghiara, a Reggio Emilia, e il giorno 11 dello stesso mese ha celebrato la prima messa solenne a Pantano di Carpineti.


Diversi i ruoli importanti che ha ricoperto anche nella sua amata Montecchio: insegnante di religione alle scuole medie, responsabile dell’oratorio, segretario della Capolo e responsabile della zona di Villa Aiola non ancora parrocchia. Solo il 20 di ottobre 1963 è diventato ufficialmente parroco della comunità di Villa Aiola.

Un momento importante per la sua carriera è stato il 18 agosto 1998, quando il Papa Giovanni Paolo II lo ha nominato monsignore. Domenica scorsa, mentre don Vezzosi celebrava messa ad Aiola, tutta la comunità (presente anche il sindaco Fausto Torelli) ha fatto gli auguri, con gratitudine e riconoscenza, al suo pastore, che non ha mai smesso di guardare con fiducia al futuro.

Per l’occasione dei suoi 90 anni, un caro amico e confratello ha scritto al sacerdote un augurio speciale: «Don Antenore è un inguaribile ottimista, così ottimista da vedere i confini di ogni cosa sempre un poco più larghi; così sensibile alla giovinezza della vita da non accorgersi di invecchiare; così aperto al dialogo da apparire sempre un fiume in piena». Attualmente monsignor Vezzosi alloggia alla Casa di carità di Montecchio, dove vive e svolge il ruolo di cappellano con molta premura, portando in questi momenti difficili l’affetto della parola di Dio agli ospiti della Casa. —

Da.al.

© RIPRODUZIONE RISERVATA