Banconote false denunciati due minorenni

Campegine, hanno pagato merce e cambiato alcune bancone in due esercizi pubblici. I titolari hanno chiamato i carabinieri

CAMPEGINE. Sono stati denunciati dai carabinieri i due minorenni che nei giorni scorsi erano stati segnalati per avere speso banconote false da 50 euro, come riportato sulla Gazzetta del 23 gennaio scorso. Era successo a Campegine qualche giorno fa: un giovane si è recato in un esercizio pubblico del paese, dove ha fatto un acquisto per pochi euro, pagando con una banconota da 50 euro. Nello stesso frangente, il giovane se n’è fatta scambiare un’altra dall’esercente che, solo in un secondo momento, si è reso conto che le due banconote avevano qualcosa di anomalo. Non solo. La cosa si è verificata anche in un altro esercizio commerciale adiacente al precedente, dove sono stati spesi altri 50 euro. Non pago, il giorno seguente il giovane ha tentato un nuovo scambio, sempre in uno dei due negozi.

Questa volta, però, i proprietari, che oramai lo avevano individuato come lo spacciatore di banconote taroccate, hanno chiesto l’intervento dei carabinieri della stazione di Castelnovo Sotto, i quali, giunti sul posto, hanno bloccato e identificato il minorenne.


Da qui l’avvio delle indagini che, in breve tempo, hanno consentito di dimostrare la responsabilità di un altro coetaneo, il quale aveva incaricato l’amico di provvedere allo scambio del denaro in cambio di un compenso. Conclusa l’intera ricostruzione dei fatti, e proceduto al sequestro dei soldi falsi, ai carabinieri di Castelnovo Sotto non è rimasto altro da fare che segnalare l’accaduto alla Procura dei minori di Bologna, dinnanzi alla quale i due amici dovranno ora rispondere del reato di spendita di monete falsificate. Le indagini stanno proseguendo per capire in che modo i due giovani si siano procurati le banconote falsificate.