Lavori alla canonica: è arrivata la gru in piazza Mazzini

L’importo dei lavori ammonta a circa 800mila euro Spazio (quasi) off limits almeno fino al prossimo autunno

GUASTALLA. Con qualche mese di ritardo è arrivata la famosa e ingombrante gru che occuperà buona parte di piazza Mazzini per i lavori di recupero alla canonica della concattedrale e gli scavi da parte di Ireti per le necessarie utenze.

I CANTIERI


La struttura è già stata innalzata. Si lavora su due cantieri: il primo, partito già dalla scorsa estate a sinistra della cattedrale – dove una volta c’era la libreria Duomo, oggi spostata in piazza Vittorio Veneto, nei pressi della chiesa dei Servi – dovrebbe concludersi entro la prossima estate; l’altro, a destra del duomo, dove c’è la canonica, le cui opere verranno terminate nel 2022.

La gru servirà per rimuovere il tetto della canonica, che dovrà essere rifatto. Alcuni solai dovranno essere cambiati e altri rifatti ex novo.

SCUCI E CUCI

L’importo dei lavori è di circa 800mila euro. Il terremoto del 2012 ha portato alle luce diverse criticità, oltre ad avere gravemente danneggiato muri e coperture della canonica dove, fino a poco tempo fa, vivevano i parroci oggi trasferitisi a Pieve.

I muri della canonica presentano vistose crepe e, poiché lo stabile è vincolato dalla Sovrintendenza per i beni artistici, verrà utilizzata la tecnica dello “scuci-cuci”. Il responsabile dei lavori è l’ingegnere Carlo Artoni.

Già a maggio dello scorso anno la parrocchia di Guastalla aveva presentato all’ufficio protocollo il permesso di costruire, con tanto di richiesta di occupazione del suolo pubblico. Per questo l’amministrazione comunale aveva emesso l’ordinanza di proroga di chiusura di piazza Mazzini dal primo ottobre fino al 31 maggio. Con tutta probabilità, dato il ritardo di quasi 4 mesi con cui prende il via il cantiere per la ristrutturazione della canonica, la parrocchia di Guastalla richiederà ulteriori integrazioni, data l’importanza e la consistenza delle opere, che inevitabilmente sposteranno in avanti la chiusura di piazza Mazzini almeno fino al prossimo autunno.

I PARCHEGGI

Tuttavia, dove sarà possibile, si potrà parcheggiare nell’area non interessata dalla gru, per circa mezz’ora, esponendo il disco orario come avviene per i residenti in via Gonzaga. L’area sarà accessibile con le stesse modalità anche per i portatori di handicap, purché espongano l’apposito pass.

Le attività di carico e scarico merci per gli esercizi con sede in piazza Mazzini e per il cantiere di ristrutturazione del duomo vengono concesse dal lunedì al sabato, dalle ore 8.30 alle 10.30 (escluso il giovedi mattina). L’accesso ai veicoli – per l’espletamento delle funzioni religiose e l’accesso agli uffici comunali per i matrimoni con rito civile – viene concesso previa autorizzazione specifica da richiedere all’ufficio di polizia locale. —

M.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA