Compra un furgoncino da un amico che però lo truffa assieme a un complice

Correggio, i carabinieri hanno denunciato un 36enne di Scandoano e un 52enne di Rolo che si sono intascati 2.800 euro

CORREGGIO. Compra un'auto e resta truffato. E' accaduto al titolare di un'impresa individuale di compravendita di macchine usato e che è stato contattato da un conoscente, occupato nello stesso settore, che gli ha proposto l'acquisto di una Fiat Doblò appartenuto a un suo amico. Peccato che per il commercinate di 63 anni, residente a Correggio, la vendita dell'auto si sia rivelata una truffa. Infatti, dopo aver pagato anticipo e saldo non si è visto consegnare il mezzo.

Per questi motivi con l'accusa di truffa in concorso i carabinieri della stazione di Correggio hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia un 36enne, albanese, residente a Scandiano e un 52enne, marocchino, residente a Rolo. I fatti risalgono all'estate 2020. Il commerciante correggese è stato contattato da un suo amico, un uomo di 52 anni, di Rolo, occupato nel settore della compravendita di auto usate, che gli ha proposto l'acquisto di un Fiat doblò in disponibilità di un suo amico abitante a Rolo che lo vendeva a 2.800 euro.

Il correggese si è recato a visionare l'auto e dopo averla fatta provare a un suo cliente, interessato all'acquisto, ha provveduto a bloccare l'auto consegnando un anticipo di 1.500 euro. In un successivo incontro ha saldato l'acquisto consegnando i restanti 1.300 euro senza però vedersi consegnare l’auto da parte dei due che non facevano avere più notizie. Capito di essere rimasto vittima di una truffa il 63enne si è prsentato ai carabinieri della stazione di Correggio, formalizzando la denuncia. I militari hanno avviato le indagini acquisendo a carico del 36enne abitante a Scandiano e elementi di responsabilità per il reato di truffa per la cui ipotesi i due venivano denunciati.