Un nuovo ristorante nascerà al Forte: Bizzarri dà il via ai lavori nel cantiere

L’Ad di Gucci crea un locale di alto livello. Dettagli top secret. Come chef pare esclusa l’ipotesi Bottura, amico da decenni

RUBIERA. Nuova vita per il Forte di Rubiera e per l’Osteria del Viandante. Dal pomeriggio di giovedì la piazza centrale di Rubiera è animato dal viavai e dalle continue manovre di un cantiere pronto ad essere realizzato attorno all’edificio più noto del paese, il vecchio Forte, che del passato uso conserva diversi impianti murari.

Nel Forte hanno sede diversi esercizi commerciali e per vent’anni ha ospitato l’Osteria del Viandante di Dolores Boretti, uno dei ristoranti reggiani di maggior livello, citato in guide e percorsi, uno dei luoghi più amati dagli appassionati della cucina emiliana. A dicembre, quando la nostra Regione è tornata in zona arancione, l’Osteria ha definitivamente chiuso i battenti, ma il futuro della struttura e del locale è già designato. Buona parte del complesso, dalle terrazze sino ai piani inferiori, è stato acquisito dall’amministratore delegato del Gruppo Gucci, Marco Bizzarri, rubierese purosangue con solidissime radici nel suo paese natale.


Nei mesi dell’emergenza pandemica, ha donato migliaia di mascherine al territorio, oltre a una cifra molto corposa, 100mila euro, all’Asl reggiana. Bizzarri da tempo ha acquistato la parte del Forte dove si trova il ristorante, senza nessuna intenzione di toccare l’Osteria sino a quando la Boretti avesse voluto proseguire con la sua attività. Ora, è il momento delle novità, e di novità di lusso.

Il cantiere punta a un rifacimento completo dei vari spazi, da trasformare in un ristorante di primissima fascia, con allestimenti molto particolari. Un investimento decisamente massiccio, che punta a presentarsi al mondo entro l’estate con ambienti rinnovati e una nuova gestione della proposta culinaria. Sui nomi, si discute da parecchio.

A quanto pare, il progetto è di portare a Rubiera un nome notissimo del panorama culinario italiano. Ma questo nome non sarebbe quello di Massimo Bottura, che di Bizzarri è carissimo amico dai tempi delle scuole e con cui continua ad avere un rapporto molto stretto, come ricordato di recente da interviste in cui si parlava di progetti futuri insieme. Lo chef modenese non sarà però coinvolto in questa partita, anche se magari può aver favorito qualche contatto fra l’amico proprietario e qualche altro professionista chef intenzionato a costruire nuove esperienze. Le novità formali dovrebbero essere annunciate fra qualche mese, per ora si ci deve accontentare delle prime impalcature del cantiere che rivoluzionerà la rocca rubierese, sia all’interno che all’esterno, dopo aver ottenuto tutti i via libera del caso dalla Sovrintendenza per i beni culturali.

La piazza di Rubierà tornerà quindi ad accogliere due ristoranti “da stelle”, con l’erede dell’Osteria del Viandante ad affiancarsi all’altra grande istituzione locale, il ristorante Arnaldo, a poche decine di metri di distanza. —


© RIPRODUZIONE RISERVATA