Ladri in azione in Val d’Enza: sono in tre, su una Fiat Panda

A Bibbiano le urla di una donna intenta a cucinare hanno fatto fuggire i malviventi. Altri episodi a Cavriago, Sant’Ilario e Campegine. Nel mirino pure le auto in sosta

VAL D’ENZA. La Val d’Enza torna nel mirino dei ladri. Con il protrarsi della pandemia e con i divieti di circolazione, i furti avevano avuto un crollo drastico, nei mesi scorsi. Ma nelle ultime settimane in Val d’Enza si tornano a registrare diversi episodi, che avvengono nei parcheggi dei supermercati e nelle case.

A Bibbiano è stato un giovedì sera molto movimentato, quello appena scorso. Erano le 18.30 quando tre persone sono state avvistate in via Don Pasquino Borghi, nelle vicinanze del parcheggio delle scuole medie, a bordo di una Fiat Punto mentre parevano tenere d’occhio le case. Verso le 19, in due hanno tentato di scassinare la porta d’ingresso di una abitazione in via Matteotti, dove a quell’ora un’anziana si trovava da sola a cucinare. Le urla della donna hanno fatto scappare i due, che erano nel giardino, e “il palo” che era fuori dalla proprietà, verso il parco dell’Anello, correndo con i berretti ancora in testa verso la strada principale. In tanti li hanno visti raggiungere l’auto che li attendeva. Trenta minuti dopo, è stato un ragazzo che era fuori con il cane ad avvistare ancora i tre nei pressi di Corniano, dove poi le loro tracce si sono perse.


Da Cavriago arrivano diverse segnalazioni della stessa Fiat Punto vecchia con a bordo tre ragazzi muoversi nei parcheggi della zona Coop Pianella e del Conad. Due segnalazioni risalgono a mercoledì sera quando, verso le 19, tre persone sono state trovate dai proprietari nel giardino di una casa, mentre stavano cercando di entrare. I tre, una volta visti, sono scappati verso il centro del paese. Si sospetta che gli stessi siano i responsabili del furto di una borsetta da un’auto ai danni di una donna di 60 anni mentre caricava la spesa nel portabagagli. La vittima se n’è accorta solo quando ha visto sfrecciare l’auto con i tre a bordo. La stessa segnalazione è arrivata da una commessa che a quell’ora ha visto, nei pressi del parcheggio della Coop in via Bordolini, tre persone rompere il vetro di una macchina parcheggiata.

A Sant’Ilario non va meglio. Qui i cittadini nell’ultima settimana hanno segnalato la presenza di due persone che, a bordo di un’auto bianca, in diverse zone del paese hanno compiuti diversi furti. In via Carso hanno portato via la borsetta a una donna anziana. In via Podgora e in località Gazzaro, invece, i ladri hanno portato via le borse dalle auto.

La settimana scorsa anche le zone di Caprara e Campegine sono state prese di mira: in una casa in via Case Cocconi i ladri hanno scassinato la porta d’ingresso e hanno portando via pochi affetti di famiglia, del valore di un centinaio di euro. I ladri sono stati avvistati a Caprara e in via Amendola a Campegine.

Più volte le forze dell’ordine hanno avvisato i cittadini sulle tecniche più diffuse dei ladri, invitandoli a non lasciare oggetti di valore, borse e borselli in auto. Attenzione che va rivolta anche a chi suona alla porta dicendo di essere un tecnico del gas o dell’energia elettrica, così come alle sconosciute che si lanciano in inaspettati gesti d’affetto: molto probabilmente vogliono solo derubare. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA