Lavori finiti alla scuola di Sant’Antonino Riparte la mensa

Interventi sulla tenuta sismica e rifacimento degli impianti. Con le barriere in plexiglas alunni a tavola in due turni

CASALGRANDE. Interventi per oltre 200mila euro per rimodernare la scuola elementare di Sant’Antonino.

I cantieri nel complesso di via Statale sono terminati nei giorni scorsi, con la fine del secondo e corposo stralcio. Un pacchetto garantito da un apposito finanziamento del Ministero delle Infrastrutture all’intero dei progetti di riqualificazione del patrimonio scolastico pubblico. Il primo stralcio da 40mila euro aveva al centro una serie di migliorie antisismiche. La seconda parte dei lavori ha richiesto 161mila euro ed ha portato al rifacimento quasi integrale dei piani superiori del vasto edificio, con la demolizione e la ricostruzione del secondo e del terzo impalcato seguite poi da un intervento sulle controsoffittature. A completare il pacchetto, sono poi state effettuate una serie di integrazioni accessorie finanziate direttamente dal Comune di Casalgrande con risorse proprie, per approfittare del cantiere già attivato. L’elenco comprende una revisione dell’impianto termoidraulico e di quello elettrico, la sostituzione delle porte dei vari spazi dedicati ai servizi e un ammodernamento dell’impianto antincendio.


A Sant’Antonino, poi, come nel plesso delle elementari del capoluogo, sono stati montati degli impianti nelle zone dedicate alla refezione, così da poter riprendere con il canonico servizio di mensa. Nei saloni appositi, a cui i bimbi accederanno in due turni successivi, sono stati installate delle barriere divisorie, le cosiddetta “parafiati” in plexiglas, che serviranno sia come protezione diretta sia come segnale delle distanze da mantenere per i piccoli utenti quando toccherà a loro accomodarsi per mangiare. Un modo per venire incontro alle esigenze delle famiglie, che in questi mesi hanno dovuto fronteggiare parecchi cambiamenti e riorganizzare i tempi per ritirare eventualmente i figli nelle pause, ed allo stesso tempo per tornare a offrire un servizio mensa con più piatti. La posa consente di «ripristinare l’organizzazione del servizio di refezione su due turni per tutte le scuole interessate – spiegnao dal Comune – Per i plessi interessati gli interventi consentiranno pertanto di ristabilire i menù standard con brodi, passati e creme». I menu si possono consultare nella sezione del sito web del Comune. —


© RIPRODUZIONE RISERVATA