Nasce la cittadella dello sport investimenti da mezzo milione

A marzo l’avvio del lavori per un campo sintetico da calcio a 7 e calcetto. Entro l’estate sarà realizzata anche una tensostruttura dedicata ad attività indoor

MONTECCHIO. Us Montecchio Calcio e Comune lanciano due progetti che trasformeranno il centro sportivo “Silvio D’Arzo” in un impianto d’eccellenza a livello regionale. Nel prossimo mese di marzo partiranno infatti i lavori per realizzare un nuovo campo con manto sintetico di ultima generazione, di 63 per 43 metri, all’interno del quale saranno tracciati un campo per il calcio a 7 e due campi per il calcetto a 5.

L’intervento, che sarà eseguito dall’azienda It Sport di Reggio Emilia di Livio Bondavalli, avrà un costo complessivo di 100mila euro, di cui 60mila a carico dell’Us Montecchio Calcio e 40mila a carico dell’amministrazione comunale di Montecchio.


Un aiuto economico, per la società sportiva e per il Comune, potrebbe arrivare da aziende e privati mediante libere erogazioni e grazie a un progetto di crowdfunding appoggiato a un istituto di credito locale.

IL CAMPO SINTETICO

Il campo su cui sarà realizzato il manto sintetico – che sostituirà quello erboso, sul quale ora si alternano gli allenamenti delle formazioni giovanili e della prima squadra – è dedicato a Matteo Giavarini, scomparso nel 2012 a 26 anni, nipote do Lino Giglioli, per tutti “Fidegh”, che per oltre 30 anni protagonista del Montecchio Calcio in vari ruoli, da allenatore a direttore generale.

Il nuovo sintetico si inserisce in un progetto più ampio, voluto dal Comune, che intende trasformare il centro D’Arzo in una cittadella dello sport punto di riferimento per Montecchio e per la Val d’Enza. La data d’inizio dei lavori è prevista per i primi di marzo, con fine dell’opera entro la fine di maggio.

LA PALESTRA

Nelle prossime settimane, inoltre, sempre all'interno del polo del D’Arzo prenderà il via anche la realizzazione di una palestra in tensostruttura, interamente finanziata dal Comune, senza indebitamenti da parte dell’ente. Il costo complessivo (400mila euro) è già stato inserito nel bilancio preventivo 2021 approvato in consiglio comunale. Anche in questo caso i tempi di realizzazione sembrano rapidi: l’inaugurazione è prevista alla fine dell’estate.

Il nuovo impianto amplierà la fruibilità per coloro che praticano sport al chiuso, per le leve calcistiche dei più piccoli nei mesi invernali e anche per le scuole superiori adiacenti, visto che l’istituto Silvio D’Arzo è uno dei principali poli scolastici in provincia reggiana.

CINQUECENTO ATLETI

«Siamo molto soddisfatti – commenta Giordano Colli, vicepresidente dell’Us Montecchio Calcio –. Stiamo per realizzare un nuovo campo sintetico basilare per le attività del nostro settore giovanile, con il patrocinio del sindaco e grazie alla collaborazione dell’amministrazione comunale e di alcune importanti aziende locali. È un progetto cui teniamo in modo particolare anche perché sarà realizzato sul terreno da gioco intitolato a Matteo Giavarini, ragazzo cresciuto tra le nostre file, che ci ha lasciati prematuramente. Per Us Montecchio Calcio si tratta di una iniziativa molto importate, che si inserisce nel solco del cammino programmatico intrapreso per la crescita del nostro vivaio e dell’intero movimento calcistico locale che, tra formazioni giovanili e squadre di adulti di categoria e amatoriali, conta ormai tra i 450 e i 500 atleti. Per noi il polo D’Arzo, in cui abbiamo già investito parecchio negli ultimi due anni, non deve essere solo un impianto sportivo, ma un centro di eccellenza per tutta la Val d’Enza, e soprattutto un luogo di aggregazione a disposizione di tutta la comunità».

LA COLLABORAZIONE

L’assessore allo sport Stefano Ferri: «Comune e Us Montecchio collaborano da anni e il nuovo sintetico ne è l’ulteriore conferma. Il sintetico è stato progettato e finanziato soprattutto da Us Montecchio Calcio, mentre il Comune ha contribuito solo in parte all’aspetto tecnico ed economico. La stessa Us Montecchio ha recentemente investito sull’impianto D’Arzo, di proprietà del Comune, rendendolo più accogliente ed efficiente, e questo in forza anche del rapporto con l’Atalanta e di sinergie con altre realtà sportive del territorio. La nostra comune idea è quella di trasformare il D’Arzo in una vera cittadella dello sport nella quale il Comune inizierà a breve la costruzione di una tensostruttura, alla quale seguiranno altre opere. Al termine di questa operazione ci saranno due vincitori: Us Montecchio, perché potrà disporre di un nuovo campo in sintetico di ultima generazione e di una tensostruttura per le attività invernali, e il Comune che, grazie agli investimenti comuni, avrà accresciuto il proprio patrimonio».

UN TORNEO PER MATTEO

Massimiliano Palmia, presidente dell’Us Montecchio Calcio: «Tensostruttura e campo in sintetico rappresentano per noi un vanto, anche agli occhi dell’Atalanta, società cui siamo affiliati. I nostri tesserati avranno più spazi all’aperto e al chiuso all’interno del medesimo centro sportivo. Il nuovo sintetico, per il quale i lavori inizieranno a inizio marzo, sarà concluso verso fine maggio, mentre la tensostruttura, anch’essa al via in tempi brevissimi, verrà terminata entro l’estate, direi attorno a giugno o luglio. Il nuovo campo sarà inaugurato con il torneo in memoria di Matteo Giavarini e attraverso una manifestazione coi ragazzi del nostro vivaio, in collaborazione con l’Atalanta. Per realizzare tutto questo, oltre alla stessa amministrazione comunale, stiamo coinvolgendo alcune attività economiche del nostro territorio, cui aggiungeremo un’operazione di crowdfunding attraverso un istituto bancario allo scopo di permettere a chiunque di partecipare, anche sostenitori e tifosi. Ci auguriamo che questi grandi interventi siano di auspicio per un 2021 all’insegna dello sport, dopo un anno difficile, e per questo vorrei ringraziare di nuovo il Comune di Montecchio, oltre alle aziende e ai privati che parteciperanno a tali iniziative». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA