Ventesima vittima del Covid alla Millefiori

È una 96enne con polmonite interstiziale. Il 14 gennaio una commissione consiliare aperta. Canova (M5S): «Atto dovuto»

NOVELLARA. Un altro decesso, ascrivibile alle complicanze derivanti dal Covid-19, è avvenuto tra gli ospiti della casa di riposo comunale “Millefiori” di Novellara. Sale così a venti il drammatico computo delle vittime registrate tra i 79 contagiati, di cui 54 tra gli ospiti e almeno 24 dipendenti.

Lo rende noto Valentina Canova, consigliere di minoranza del Movimento 5 Stelle di Novellara. «Si tratta di una ospite 96enne – dichiara la consigliera – parente di miei conoscenti che, seppur si fosse negativizzata, aveva contratto la polmonite interstiziale come conseguenza del Covid-19. Il decesso è avvenuto il primo gennaio all’ospedale di Guastalla, dove l’anziana era ricoverata da qualche giorno».


Le ultime vittime

La morte dell’anziana per complicanze legate al coronavirus si aggiunge ai decessi, avvenuti in struttura durante il periodo natalizio, di due ospiti asintomatici, ma ancora positivi, in procinto di essere visitati dal geriatra per dichiararne la guarigione, ma poi improvvisamente peggiorati e sopraffatti dal virus. Tutte dinamiche che dimostrano quanto il Covid-19 sia implacabile, soprattutto per le persone anziane.

il focolaio

Continua quindi ad aggravarsi il doloroso bilancio dei decessi alla casa di riposo colpita da un focolaio Covid-19 sprigionatosi a fine novembre, che ha falcidiato, fino ad ora, 20 ospiti su 60. Un bilancio drammatico – ma purtroppo ancora provvisorio, in attesa delle auspicate guarigioni degli altri positivi – che sta creando molta apprensione all’interno della comunità novellarese.

Le polemiche

Apprensione non priva di polemiche: in molti, infatti, pur rispettando il dolore delle persone coinvolte, si stanno interrogando su come sia stato possibile il verificarsi di un focolaio così esteso durante la seconda ondata. A livello politico, Valentina Canova anticipa che sul tema Millefiori il 14 gennaio si terrà una commissione consiliare aperta al pubblico, che dovrebbe svolgersi in modalità online.

«Da tempo – afferma Canova – avevamo richiesto questo incontro al sindaco. Si tratta di un atto dovuto verso gli utenti deceduti, gli operatori della Millefiori, i parenti di vittime e dipendenti, e la cittadinanza. Vogliamo mantenere alta l’attenzione su questo tema, abbiamo molte domande da fare in merito; verificheremo se è stato fatto tutto per evitare il contagio di massa. Vogliamo chiarezza da parte di tutti».

Le videochiamate

Per fare il punto della situazione, nelle settimane scorse sono intercorse varie videochiamate tra i capigruppo consiliari (sia della maggioranza che delle minoranze), cui hanno partecipato il sindaco Elena Carletti, il segretario comunale Alfredo Tirabassi, il presidente di Millefiori, Dario Folloni, e il direttore Elisa Paterlini. —


© RIPRODUZIONE RISERVATA