È morta a 56 anni Cinzia Fiorini insegnante alle scuole medie

È stata stroncata da una malattia in poche settimane. Ricoverata all’ospedale  Santa Maria,  se n’è andata l’ultimo dell’anno

CARPINETI. Stroncata in poche settimane dal peggioramento della malattia. È morta l’ultimo giorno dell’anno la 56enne insegnante carpinetana Cinzia Fiorini, nata e cresciuta nel paese appenninico e per decenni impegnata nelle scuole medie dell’Appennino, a Castelnovo Monti, Felina, Busana e, per un breve periodo, anche nella sua Carpineti.

La docente viveva nel capoluogo, nella zona che dal centro porta verso la strada per Felina, nella storica casa di famiglia assieme alla madre Bianca Fornaciari, in questi giorni ricoverata all’ospedale Sant’Anna di Castelnovo Monti per una serie di problemi di salute legati all’età avanzata.


La Fiorini invece era da alcune settimane in reparto all’ospedale di Reggio Emilia, dopo l’inasprimento di una malattia che ha rapidamente e progressivamente debilitato il suo corpo, sino al decesso.

Il funerale, per espressa volontà della donna, si svolgerà in forma strettamente privata a Carpineti. Al termine della cerimonia, la salma verrà portata al cimitero di San Prospero, dove già si trova Giorgio Fiorini, il padre di Cinzia, una figura molto nota nella zona carpinetana grazie al suo lavoro di funzionario di banca nella sede locale del Banco San Geminiano e San Prospero. Una professione che lo ha messo in contatto con buona parte degli abitanti, in un modo o nell’altro.

Discorso simile per la figlia Cinzia, che come insegnante ha conosciuto generazioni di studenti delle scuole medie dell’Appennino reggiano, lasciando un bel ricordo – di persona dedita al lavoro, discreta, amante delle sue materie di insegnamento – in colleghi e alunni.

I parenti dell’insegnante, le zie e i cugini, chiedono alle persone interessate ad un omaggio a Cinzia di fare invece donazioni benefiche e non fiori. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA