Aggredito e rapinato dal branco a 16 anni, denunciati tre minorenni

A loro è attribuita la responsabilità di un episodio avvenuto il 20 giugno scorso in un parco. Al vaglio la posizione di altri giovani presenti durante il pestaggio

BASSA REGGIANA. Nel mese di giugno dello scorso anno era stato raggiunto dal branco, un gruppo di una decina di minori, che dopo averlo accerchiato l’hanno colpito a calci e pugni facendolo cadere a terra e rapinandogli 5 euro, minacciandolo di ulteriori aggressioni nel caso in cui avesse denunciato i fatti. 
Un grave episodio di cronaca quello verificatosi la sera del 20 giugno del 2020 all’interno di un parco pubblico di un comune della bassa reggiana in conseguenza del quale la vittima, un 16enne reggiano, aveva riportato abrasioni e contusioni multiple da aggressione per le quali i sanitari del competente ospedale a cui era ricorso il 16enne lo dimisero con una prognosi di 7 giorni. 
 
Le indagini dei carabinieri della stazione di Correggio a cui la vittima, accompagnato dai genitori, formalizzò la denuncia, hanno consentito di identificare in tre minori i principali protagonisti dell’aggressione che ora sono finiti nei guai. Questo attraverso il vaglio di decine di testimonianze e delle riprese video dei filmati di alcune telecamere installate nel parco.
 
Con le accuse di concorso in rapina aggravata, minaccia e lesioni personali i carabinieri della stazione di Correggio, hanno segnalato al Tribunale per i minorenni di Bologna due 17enni e un 16enne residenti nel reggiano. 
 
La rapina ai danni del 16enne reggiano fu compiuta la sera del 20 giugno in un parco pubblico di un comune della bassa reggiana. Da quello emerso nel corso delle indagini la vittima si trovava i compagnia di un coetaneo quando è fu aggredito verbalmente da due ragazzi (due dei tre degli odierni segnalati) che senza alcun motivo lo avvicinarono minacciosamente. Vittima e amico si allontanarono per poi essere raggiunti da un gruppo di una decina di ragazzi tra cui proprio i due ragazzi che poco prima l’avevano minacciato. 
 
E mentre l’amico riusciva a fuggire il 16enne venne fatto oggetto di calci e pugni e rapinato di 5 euro per poi essere lasciato andare con la minaccia di ulteriori ritorsioni qualora avesse denunciato i fatti. 
 
Il minore dolorante e impaurito per l’accaduto tornò a casa con i genitori che, appreso quanto successo, per prima cosa gli assicurarono le cure mediche poi si rivolsero ai carabinieri denunciando il grave episodio. 
 
Quindi le indagini che, attraverso il vaglio di decine di testimonianze e delle riprese video dei filmati di alcune telecamere installate nel parco, sono risalite a tre minori risultati i principali protagonisti dell’aggressione a scopo di rapina che sono stati ora denunciati. È al vaglio la posizione di altri minori per capire, pur non avendo preso parte materialmente all’aggressione, eventuali profili di responsabilità concorsuali.