Con “On the road” alla scoperta di cibo, arte, fiume

Viaggio nella Bassa reggiana fra Boretto e Brescello grazie alle riprese del canale Youtube “On the road-Travel stories

BORETTO. Hanno fatto tappa anche nella Bassa reggiana le riprese del canale Youtube “On the road-Travel stories”, un’idea che mira a raccontare attraverso il viaggio non solo le bellezze e le peculiarità del territorio ma anche l’enogastronomia “autoctona”, andando a scovare quei prodotti e quelle specialità considerate più di nicchia, magari passate un po’ di moda.

Proprio con questo intento, nei giorni scorsi, la troupe del programma – prodotto dall’agenza World Promotions di Parma di Mattia Riccò – composta, oltre ai cameramen, dallo stesso Riccò, Luana Alessio e da Martina Bordini e Fabiana Di Lauro (due giovani bellezze reggiane che prestano il loro volto alle riprese, raccontando luoghi e intervistando persone) si è soffermata sulle rive del Po, tra Boretto e Brescello.

Nella loro permanenza in terra reggiana, i componenti della troupe si sono prima concentrati sulla storia e le caratteristiche della cipolla borettana, con l’intervista a Pinuccia Morini e a Renzo Pacchiarini, due dei componenti dell’associazione che da anni, a Boretto, si adopera per il recupero del bulbo celebre in tutto il mondo, caratterizzato da un sapore particolare.

Sempre a Boretto, è stato d’obbligo un passaggio al lido Po dove, nel pomeriggio, grazie alla collaborazione del presidente della Motonautica Boretto Po, Paolo Corradini, sono state effettuate suggestive riprese a pelo d’acqua a bordo di un’imbarcazione, sfidando il vento e il freddo di dicembre.
Nel mezzo, un’immancabile sosta anche a Brescello, dove non poteva mancare un approfondimento legato ai personaggi che hanno reso celebre il nostro paesino della Bassa in tutto il mondo, ovvero Don Camillo e Peppone.
Oltre ad aver visitato i musei e i luoghi che richiamano le riprese dei famosi film, la troupe si è concentrata anche sull’aspetto gastronomico, approfondendo la storia di alcuni prodotti tipici, come la spongata.
Base operativa dei protagonisti della puntata di “On the road-Travel stories” è stata la “Locomotiva gastronomica” della centralissima via Cavallotti, dove gli ospiti hanno potuto gustare le specialità gourmet (gnocco fritto, salume e tanto altro) proposte dai gestori del locale.

«Queste due tappe in terra reggiana – spiega Mattia Riccò – si inseriscono nella puntata che sarà dedicata al tratto Boretto-Colorno del grande fiume, che vede Martina e Fabiana condurci attraverso esperienze caratteristiche di questi luoghi. Oltre a Boretto e Brescello, infatti, siamo passati anche per la Casa delle contadinerie di Coenzo, dove abbiamo appreso come una volta si tingeva la lana, e abbiamo ultimato il percorso a Colorno, visitando la Reggia e Alma, la scuola internazionale di cucina».

La puntata in questione dovrebbe essere visibile online, sul canale Youtube, verso la fine del mese.
«Al momento – aggiunge Riccò – il programma è disponibile solo online ma per il 2021 abbiamo raggiunto un accordo per la trasmissione sia su un canale nazionale sia su uno locale. Per noi è un’ottima notizia in quanto crediamo di offrire un servizio che, soprattutto di questi tempi di pandemia, aiuta le persone a viaggiare anche quando non possono».

Nelle puntate precedenti, “On the road” si è occupato di altri interessanti scorci del nostro Paese. Uno di questi ha interessato ancora una volta la nostra provincia, con la visita in un caseificio della Val d’Enza dove viene prodotto il Parmigiano Reggiano, per poi sconfinare in terra parmigiana, per conoscere da vicino il castello di Montechiarugolo.

L’altra puntata è stata invece girata alle Cinque Terre, in Liguria, dove la troupe è stata ospitata su un veliero per un incantevole viaggio sull’acqua.

«L’intento – conclude Riccò – è quello di realizzare una puntata al mese in giro per l’Italia, in modo da coprire varie zone del nostro Paese. Per le prossime settimane, ad esempio, abbiamo in programma un servizio al Sud. Si tratta di un viaggio che ci aiuta a conoscere da vicino realtà originali e le tante ricchezze di cui l’Italia dispone. Ci teniamo a ringraziare anche gli enti locali che in questa occasione ci hanno accolto e offerto appoggio, indicandoci le persone a cui fare riferimento. In particolare, la sindaca di Brescello Elena Benassi (che proprio in questi giorni è diventata mamma, ndr) e il vicesindaco di Boretto, Andrea Codelupi, che sono stati molto disponibili». —