Sbatte la testa della fidanzata contro l'affettatrice, denunciato un 31enne reggiano

Foto d'archivio

Reggio Emilia, l'episodio è avvenuto in un bar della città, di cui la ragazza è titolare. E' stata dimessa con una prognosi di 20 giorni per la profonda ferita

REGGIO EMILIA. L’ha deturpata afferrandole la testa e sbattendola contro l’affettatrice. Un episodio di violenza, di non-amore, avvenuto al termine di una lite tra due fidanzati reggiani, lui 31 anni, lei 30, nel bar di lei.

Il grave fatto risale a ieri sera. Erano da poco passate le 18, il locale – di cui la donna è titolare – era già chiuso, nel rispetto del decreto ministeriale. Lei stava sistemando le ultime cose, pulendo, chiudendo i conti, quando è arrivato lui. Hanno iniziato a parlare, le cose tra loro probabilmente non stavano andando bene, ma non c’è niente che possa giustificare quanto avvenuto dopo: la discussione si è accesa, sono volate urla e brutte parole, il 31enne ha afferrato la testa della sua fidanzata e l’ha sbattuta violentemente contro l’affettatrice che si trovava sul bancone provocandole una ferita profonda alla fronte.

Non era la prima volta. Lo scorso marzo la donna era finita al pronto soccorso dopo che lui l’aveva presa a testate. Quella volta si era presentata in ospedale con un enorme livido, ma non l’aveva denunciato. Questa volta, invece, ha trovato il coraggio di farlo: quando i carabinieri e il 118 sono arrivati nel bar, a seguito della sua chiamata, ha raccontato tutto. È stata dimessa con una prognosi di venti giorni, per la ferita infertale dall’uomo che diceva di amarla.