In pandemia boom di richieste di cuccioli. L’altolà del canile

Dal rifugio di Novellara la testimonianza: «Tante chiamate, ma come andrà quando non sarete più in smart working?» 

NOVELLARA. «Buongiorno, cerco un cucciolo di taglia piccola. Ne avete?». È questa la richiesta più comune che i canili del territorio, come ci raccontano gli operatori della struttura intercomunale di Novellara, stanno ricevendo negli ultimi mesi. Effetto della pandemia che costringe le persone a stare molto più tempo a casa. E la risposta è quasi sempre negativa.

«Vorremmo fare chiarezza su alcuni luoghi comuni che spingono le persone a cercare cani sempre più piccoli – ci tengono a sottolineare dal canile di Novellara – Un appartamento non vuol dire cane di taglia piccola: qualunque tipo di cane può vivere in casa, l’importante è educarlo (anche con l’ausilio di esperti) e garantirgli quattro passeggiate giornaliere.Non chiedete i cani al chilo: tante volte ci sentiamo dire “massimo 7 chili da adulto altrimenti non ci sta in casa”. In canile se arriva una cucciolata non si sa tante volte chi siano i genitori e quindi noi operatori non possiamo prevedere quanti chili peseranno da grandi. Ad ogni modo, sarà l’educazione e il rapporto che il cane avrà con i padroni, la casa e la quotidianità a fare la differenza».

E poi il monito: «Il tempo della pandemia si spera vivamente che rimarrà soltanto un brutto ricordo, per cui se decidete di adottare un cane “intanto che siete in smart working” ricordatevi che nel momento in cui tornerete alla normalità il vostro cucciolo potrebbe soffrire di ansia da separazione o iperattività non avendovi più tutto il giorno per sé – fanno notare –I canili sono pieni di cani che nessuno guarda: adulti di taglia medio grande, molossoidi, cani da caccia e vecchietti. Sono tutti animali con una storia alle spalle, traditi o maltrattati da quelli che dovevano essere i loro amici umani».

«Perciò quando decidete che in casa può arrivare un nuovo amico a quattro zampe non fermatevi soltanto al desiderio di un cucciolo morbidoso, ma cercate di salvare uno dei tanti cani invisibili – sottolineano – anche se hanno 7 anni e non 2 mesi, anche se pesano 25 chili e non 5, anche se sono bruttini meritano anche loro una seconda opportunità e magari si adattano meglio alla vita che vorreste condurre con il vostro cane. Sarete voi a cambiare le loro vite». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA