Inseguimento notturno in centro storico, denunciati due spacciatori

Reggio Emilia, i poliziotti li hanno notati in via Nobili, poi li hanno tallonati fino in via Petrella e via Taddei. Durante la fuga i malviventi hanno provato a disfarsi della droga, poi recuperata

REGGIO EMILIA. Hanno pestato sull’acceleratore e sono scappati a tutta velocità, imboccando strade contro mano pur di scappare ai poliziotti. Quando hanno capito che ormai non c’era più niente da fare, il passeggero ha tirato giù il finestrino e ha buttato fuori dall’auto un cilindretto di colore verde. Lo strano oggetto, poi recuperato, altro non era che un contenitore in cui erano stati riposti 13 involucri in cellophane termosaldati di cocaina pronta allo spaccio.

I protagonisti della vicenda, un trentenne e un 26enne, entrambi magrebini, sono stati bloccati dai poliziotti e portati in questura non prima di aver percorso a incredibile velocità, per sfuggire alle volanti, le strade del centro. L’inseguimento è iniziato in via Nobili, dove i due avevano parcheggiato. Alla vista dei poliziotti, in giro per normali controlli, hanno acceso il motore e sono sgommati via. In via Pretella, con i poliziotti alle calcagna, hanno provato a disfarsi della droga (poco più di 8 grammi). Sono poi stati raggiunti e bloccati in via Taddei da altre volanti arrivate in supporto.

Una volta accompagnati in questura, il trentenne è stato denunciato per il reato di resistenza a pubblico ufficiale, mentre il 26enne per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Entrambi sono stati sanzionati per non aver rispettato il coprifuoco previsto dal decreto ministeriale.