Ciclabili urbane quasi al traguardo a Pieve, San Martino e nei quartieri Nord

Il punto dell’assessore Lanzoni sui lavori da 700.000 euro per i nuovi tracciati e gli attraversamenti pedonali sicuri

GUASTALLA. «L’obiettivo è finire la rete delle nuove piste ciclabili e i collegamenti tra quelle già esistenti per la tarda primavera o al massimo per l’inizio dell’estate 2021». Parola di assessore ai lavori pubblici, ambiente e urbanistica Chiara Lanzoni, che sulla mobilità slow, quella sulle due ruote, a impatto zero sull’ambiente, ha fatto la scommessa. Complessivamente il Comune di Guastalla ha progettato e iniziato a realizzare circa tre chilometri di nuove piste urbane, da utilizzare per gli spostamenti quotidiani: scuola, lavoro, shopping e non solo per lo svago nei giorni di festa.

Contestualmente è stato redatto un progetto per la realizzazione di 19 passaggi pedonali sicuri buona parte dei quali già realizzati. Perché, nonostante i rallentamenti provocati dall’emergenza sanitaria, i lavori sulla rete ciclabile e sulla sicurezza per gli utenti “deboli” della strada, non si sono mai fermati. «Gli interventi – spiega Lanzoni – sono stati finanziati e sono già andati in gara nel loro complesso. Il tracciato si sta concretizzando con la realizzazione di nuovi tratti, la riqualificazione di alcuni già esistenti e la messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali. Il costo complessivo dell’opera ammonta a quasi 700.000 euro, la metà dei quali finanziata con fondi regionali perché il Comune di Guastalla ha vinto un bando proprio sul tema della mobilità sostenibile e della messa in sicurezza stradale. È importante sottolineare questo aspetto perché ricevere un cofinanziamento dalla Regione è importante per il progetto in sé e per l’impatto sugli investimenti sul territorio». La progettazione esecutiva è stata in parte affidata all’ufficio tecnico comunale e in parte a un tecnico esterno, l’ingegnere Carlo Odescalchi, con studio a Guastalla. Una buona fetta della rete ciclabile – tutta in sede propria – è già quasi pronta, altri interventi invece inizieranno a partire dai primi di gennaio.


Eccoli nel dettaglio, con una precisazione: anche sui tratti già fatti, con scavi eseguiti, scolo per l’acqua piovane e nuova illuminazione, manca ancora il tappeto d’asfalto finale «che verrà realizzato per ultimo – spiega Lanzoni – perché dovremo attendere una situazione meteorologica migliore». Quindi si arriverà in primavera.

È stato realizzato il tracciato della cosiddetta ciclopedonale Pieve Est. Si tratta di circa 300 metri di pista che collega via Comunità Europea nella frazione di San Martino al centro della frazione di Pieve. Terminata (a parte il manto di asfalto) anche la ciclabile di via Sacco e Vanzetti, realizzata raddoppiando l’ampiezza del marciapiede lungo la strada, che collega Pieve con il polo scolastico Russel-Carrara e gli impianti sportivi di fronte al polo delle superiori. Anche in questo caso il tratto è lungo circa 300 metri. Realizzato anche il tratto lungo via Rosario Nord che collega l’ospedale e il polo scolastico formato da nido, materna e primaria con via dei Capuccini, servendo l’area Nord di Guastalla. In questo caso la ciclabile è lunga circa 500 metri.

Dal 6 gennaio, partiranno i lavori della ciclabile in via Circonvallazione, un tracciato piuttosto lungo che collegherà il parcheggio ex Mattacheo con via Cisa, servendo la parte Sud del centro storico e subito dopo via della Circonvallazione inizieranno i lavori nel tratto rimanente di via Pieve (una cinquantina di metri) per poi concludere la realizzazione delle rete ciclopedonale con l’intervento in viale dei Cappuccini. Si tratta un lungo tratto di strada che collegherà via Sacco e Vanzetti con il centro storico cittadino. Contestualmente verranno messi in sicurezza gli attraversamenti pedonali di via Allende, via di Vittorio e via Rosario sud. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA