Scappa dai carabinieri in auto a 17 anni e provoca un incidente

La caserma dei carabinieri di Sant'Ilario

L'inseguimento è partito da Calerno di Sant'Ilario. Il ragazzo era al volante di un'Alfa ferma sulla piazzola dei bus. All'alt dei militari il minorenne si è dato alla fuga ed è stato denunciato

SANT'ILARIO. Una fuga in auto a velocità supersonica lungo le strade tra Sant’Illario d’Enza e Montecchio Emilia con tanto di sorpassi pericolosi, incroci attraversati senza rispettare lo stop e rotonde prese contro mano. Un’assurda corsa per sfuggire ai carabinieri di Sant'Ilario fatta da un 17enne che ha proseguito la marcia anche dopo uno schianto con un'altra macchina a una rotonda, fortunatamente senza conseguenze per entrambi i conducenti.

E’ stato a quel punto che i militari si sono resi conto che proseguendo nell'inseguimento qualcosa di terribile sarebbe potuto accadere, sia al minorenne sia agli altri conducenti, e hanno desistito. Il 17enne tuttavia non si è assicurato l’impunità: è stato infatti riconosciuto dai carabinieri già al momento dell’alt intimatogli a Sant’Ilario ed è stato quindi denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e guida senza patente con segnalazione inviata alla procura della Repubblica presso il tribunale per i Minorenni  di Bologna.

E’ accaduto la mattina di venerdì 20 novembre, verso le 10, quando una pattuglia dei carabinieri di Sant’Ilario, transitando nella frazione di Calerno, ha notato in sosta, lungo la fermata riservata agli autobus, un’Alfa Romeo 147 con alla guida un giovane, già noto alle forze dell'ordine e quindi riconosciuto immediatamente. I militari, ben sapendo che il giovanissimo conducente, proprio perché minorenne,  non poteva avere la patente, gli hanno intimato l’alt al quale il ragazzo ha risposto ingranando la marcia e dandosi alla fuga. Ai carabinieri, a quel punto, non è rimasto altro che inseguirlo.

Sorpassi pericolosi, incroci a raso senza rispettare lo stop e rotonde contromano: il 17enne ha fatto di tutto per seminare i carabinieri sino a quando alla rotonda Partitore a Montecchio, presa contro mano, ha sbattuto contro un'altra auto e nonostante tutto ha proseguito nella corsa.  A quel punto i militari, per salvaguardare la sicurezza stradale e l’incolumità del minore, hanno fermato l'inseguimento denunciando però il conducente. Assolutamente non in regola anche l'auto che è risultata sprovvista di assicurazione ma non rubata e sulla quale sono in corso accertamenti per verificare il sospetto che sia intestata fittiziamente.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi