Inverno al Cras Matildico per un centinaio di ricci salvati sulle strade

San Polo: l’attività del rifugio di Caverzana non si ferma con il freddo. Tanti gli ospiti “fissi” che non possono tornare in natura

SAN POLO
Dopo un’estate a occuparsi di nidiate, cuccioli e animali incidentati, l’attività del Rifugio Matildico non si ferma con l’inverno. Tocca infatti prendersi cura di chi non può essere rimesso in natura. Come ad esempio i ricci. «Ormai ne abbiamo un centinaio – racconta il fondatore della struttura, Ivano Chiapponi – Per la maggior parte andranno in letargo, ma sarà un letargo controllato: vuol dire che staranno nelle loro casette ma ogni tanto usciranno dai loro recinti per mangiare. Mentre i piccoli dovranno rimanere svegli».



Ma non sono i soli ospiti di cui occuparsi. Ci sono infatti anche tante tartarughe. «Ormai anche di quelle ce ne sono un centinaio, e molte non potranno essere liberate – spiega Chiapponi – Anche per loro si prospetta l’inizio del letargo. Le dovremo preparare per affrontare al meglio questo periodo». Sul fronte caprioli, gli ultimi sei recuperati e curati la scorsa estate sono stati liberati pochi giorni fa in zona Campotrera. «Ma nel corso dell’estate ne sono passati almeno 25» assicura Chiapponi.

Il lavoro comunque va avanti anche in questi mesi per la squadra di attenti e premurosi volontari della struttura. «Ogni giorni c’è da fare. Ci sono alcuni animali che non possono essere liberati in natura perchè con problemi fisici, o perchè inprintati o perchè provenienti da sequestri» racconta Chiapponi. Come ad esempio due begli esemplari di istrice che ormai sono diventati una sorta di mascotte del Rifugio i Caverzana.

Ogni settimana, non mancano i nuovi arrivi. Magari animali che qualcuno trova per la strada in difficoltà, molto spesso perchè investiti. L’appello è sempre quello di rivolgersi alla struttura di Caverzana, che si basa sul prezioso lavoro dei volontari, ma anche quello di aiutarli nell’opera di soccorso magari portando direttamente in struttura gli animali raccolti o accordarsi per incontrarsi a metà strada. Così si darà una mano al lavoro dei volontari e si aiuteranno gli animali stessi. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA