Reggio Emilia, imbratta palazzi storici in piazza Prampolini: 24enne denunciato

Il vandalo è stato bloccato dalla polizia mentre cercava di sporcare un altro muro in via Toschi

REGGIO EMILIA. Armato di bomboletta spray e tanta inciviltà, passava tranquillamente la sua serata a imbrattate palazzi e mura degli edifici storici nel cuore di Reggio Emilia, fra piazza Prampolini e piazza San Prospero.
E forse, vista la poca presenza di passanti a causa di questo secondo “mini lockdown” Covid, credeva davvero di farla franca. Fortunatamente, però, un residente ha notato il vandalo in azione e ha immediatamente allertato il 113.

La cattura del delinquente è avvenuta lunedì sera quando, attorno alle 20.30, una pattuglia delle Volanti è intervenuta in piazza Prampolini su segnalazione di un cittadino che aveva notato un giovane intento a imbrattare alcuni palazzi. Sul posto, gli agenti hanno effettivamente notato che accanto al bar Duomo era da poco stata disegnata una scritta di coloe nero recante la seguente frase: “Cioko se non ricordi leggi cioko”. I poliziotti si sono messi alla ricerca del vandalo, forti anche di una descrizione piuttosto dettagliata del giovane fornita loro, rintracciandolo poco dopo in via Toschi mentre stava imbrattando un altro muro.

Notata la polizia il ragazzo ha tentato di scappare ma, bloccato dopo alcuni metri dalle Volanti, ha subito ammesso le sue colpe e portato in questura è stato identificato in H. V. M, 24enne italiano residente in città, e denunciato.