Con la Ferrari fa strike di auto in tangenziale a Reggio Emilia

Tampona e fa capovolgere la Duster con a bordo una famiglia di Vezzano poi scaraventa nella scarpata la Peugeot di un 54enne: quattro feriti, strada chiusa per due ore

REGGIO EMILIA. Quattro persone ferite, tra le quali un bambino di sette anni, tre auto semi distrutte e tangenziale nord chiusa per circa due ore sulla corsia per Parma, nel tratto compreso fra le uscite di via Morandi e lo svincolo per il casello dell’autostrada A1 e Sesso.

È il bilancio di un rocambolesco incidente stradale avvenuto nella tarda mattinata di ieri, poco prima di mezzogiorno, che ha coinvolto tre veicoli e cinque persone.


Il conducente di una Ferrari bianca con targa svizzera, un cittadino albanese di 31 anni residente a Reggio, stava viaggiando sulla corsia di sorpasso quando, passato lo svincolo per l’Ipercoop Ariosto e il Mapei Stadium, per cause in corso d’accertamento ha tamponato una Dacia Duster, su cui viaggiava una famiglia di Vezzano, padre di 44 anni, madre di 43 e figlioletto di sette.

In seguito al violento urto, l’uomo che guidava il fuoristrada ha perso il controllo del mezzo, che ha finito la sua corsa piegato sul fianco destro al centro della carreggiata. Non è andata meglio al conducente della Ferrari che, nel tentativo di evitare (senza successo) il primo schianto, ha tentato una disperata sterzata verso destra che – dopo il tamponamento della Duster – lo ha portato a centrare una Peugeot 308 che viaggiava alla sua destra, sulla prima corsia. A causa dello scontro, sia la Ferrari sia la Peugeot guidata da un 64enne residente a Reggio sono finite nella scarpata, riportando ingenti danni.

In tangenziale, oltre alle ambulanze della Croce Rossa e all’automedica, con il personale del Santa Maria Nuova che si è subito preoccupato di assistere i feriti, sono intervenute tre pattuglie della polizia locale, che hanno chiuso la tangenziale, deviato il traffico e iniziato i rilievi dell’incidente. La famiglia di Vezzano e il conducente della Peugeot sono stati trasportati al pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria Nuova, tutti con ferite giudicate lievi. Illeso, invece, il 31enne albanese che, in base ai primi accertamenti, avrebbe provocato lo schianto. —


 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi