Ilaria l’amica dei piccioni ora lancia l’appello per ritrovare Becco

Ilaria Bedeschi e Becco

Da anni lei e la famiglia si prendono cura dei volatili della città tra cui un esemplare menomato che da 5 giorni non torna



REGGIO EMILIA


«Dicono che sono sporchi, poco intelligenti. Invece, sono molto intelligentipiù di quanto io stessa non potessi pensare». Ilaria Bedeschi è quella che si può chiamare “l’amica dei piccioni”, volatili delle città spesso bistrattati e mal visti. Lei, da qualche anno, ha trasformato la sua casa al Quinzio in un vero e proprio porto per i piccioni di Reggio, dove trovano cibo, acqua e “accoglienza”.

Tra gli amici con le ali di Ilaria fino a pochi giorni fa c’era anche Becco, una femmina dalla storia molto speciale. «L’ho trovava nel mio cortile, colpita da vaiolo. A causa del quale le è caduto il becco inferiore» racconta. Sarebbe stata condannata a morte certa se Ilaria non si fosse invece fatta carico di imbeccarla. Un impegno quotidiano ripagato dal piccione con quello che si direbbe proprio un sentimento di amicizia e affetto. «Lo lascia fare solo a me e quando mi vede mi vola incontro» racconta Ilaria, che per non tradire questo patto per la vita e continuare a nutrirla ha portato Becco anche in vacanza con lei nelle scorse settimane.

«Ma da 5 giorni non torna più. E visto che da sola non ce la fa a mangiare, sono preoccupata. Temo che le sia capitato qualcosa di brutto» confida. Per questo, ha lanciato un appello per ritrovarla o per sapere chi fine abbia fatto anche sui social: «Un piccione senza parte del becco è molto riconoscibile, magari qualcuno l’ha vista, fosse anche morta in strada. Così me ne farò una ragione». È una passione davvero speciale quella di Ilaria per piccioni. Condivisa con la famiglia e nata con il salvataggio casuale di uno di loro qualche anno fa. «Una volta libero è sempre tornato. E ha “chiamato” a raccolta anche gli altri. Come se se lo fossero detti. E lo hanno detto anche a quelli che stanno male, me li trovo nelle gabbie che chiamo “ospedale” per farsi curare» racconta. È diventato un impegno, quello di prendersi cura dei piccioni. Avendo cura anche di non dare fastidio ai vicini. «Se sporcano, lo fanno da noi e puliamo sempre» conferma. Ma di certo, a Reggio i piccioni sanno di poter contare su di un’amica fedele: Ilaria. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA