Teneva la coca nell'armadio della madre, spacciatore arrestato

I carabinieri della compagnia di Castelnovo Monti che hanno individuato e arrestato il pusher di Bibbiano

A finire in manette un quarantenne di Bibbiano nella cui casa i carabinieri hanno sequestrato 4,5 grammi di droga, altri quattro già confezionati e due bilancini di precisione

BIBBIANO. Dalla base operativa che aveva ricavato nella camera da letto della madre, gestiva il business della cocaina destinata ai clienti della piazza reggiana. A scoprirlo i carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Castelnovo Monti che, grazie ai risultati delle indagini svolte nel comprensorio montano, sono giunti nel centro di Bibbiano dove, ieri mattina, al termine di un appostamento, hanno messo le manette ai polsi dello spacciatore. 

Con l'accusa di detenzione ai fini spaccio di stupefacenti i carabinieri hanno arrestato un 40enne reggiano abitante a Bibbiano, ristretto al termine delle formalità di rito e ora a disposizione della Procura reggiana. L'attività ha portato al sequestro di cinque grammi circa di cocaina suddivisa in altrettante dosi pronte alla vendita, due bilancini di precisione e una ventina di grammi di mannite, una sostanza utilizzata per il taglio dello stupefacente e l'occorrente per confezionamento delle dosi.

A portare i carabinieri del nucleo operativo di Castelnovo Monti nell'abitazione del 40enne sono state le indagini svolte su alcuni tossicodipendenti della montagna.I militari si sono appostandosi nei pressi dell'abitazione dello spacciatore. Quando sono stati certi che l'umo fosse in casa sono andati "a fargli “visita” dando corso alla perquisizione. Nel corso dei controlli il 40enne ha consegnato un involucro contenente 4,5 grammi di cocaina che aveva nascosto nell’armadio della camera da letto della madre, al momento non presente in casa.

Su una mensola della sala, inoltre, i carabinieri hanno trovato e sequestrato un bilancino di precisione e un portafogli con dentro quattro dosi di cocaina del peso di un grammo l'una, in una scarpiera lì di fianco un altro bilancino di precisione nonché una busta di cellophane con dei ritagli ci carta usati per confezionare le dosi e un sacchetto con dentro 20 grammi di sostanza da taglio. Acquisti questi elementi il 40enne è stato condotto in caserma e arrestato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.